27 Febbraio 2021 Segnala una notizia
Monza, presentato il piano di recupero dell'area dismessa di via Timavo

Monza, presentato il piano di recupero dell’area dismessa di via Timavo

9 Maggio 2018

Un recupero di oltre 10 mila metri quadrati abbandonati dove dovrebbero essere realizzati nuove residenze, un asilo nido e una vasca di laminazione per contenere le piene del Lambro. L’assessore all’Urbanistica, Martina Sassoli, prosegue il suo tour delle aree dismesse in giro per la città.

Martedì mattina è toccata a un’area abbandonata in via Timavo, utilizzata all’inizio del XX secolo come deposito di legnami e diventato nel Dopoguerra deposito di bus e di carta. L’area oggi come oggi è quasi completamente sommersa dalla vegetazione.

Sono rimasti tuttavia in piedi alcuni manufatti di particolare pregio architettonico, muro di cinta compreso, e che per questo potrebbero essere salvaguardati nell’ambito del piano di recupero e trasformazione. La proprietà dei terreni e dei fabbricati è privata: Matteo Denti e Giuseppe Perego sono i due titolari, che hanno affidato il compito di studiare il piano di “remise en forme” dell’area a una copia di architetti formata da Michela Locati e Raffaella Pozzi.

IL PROGETTO

Nel dettaglio, il piano prevede che una congrua superficie verrà ceduta all’amministrazione quale area verde attrezzata a parco giochi e parcheggi.

Fra i progetti previsti, ci sono anche quelli per la realizzazione di un nuovo asilo nido e soprattutto di una un vasca di laminazione “verde”, nel senso che nella quotidianità sarà un normale giardino a conca,ma che in caso di piena del Lambro potrà essere utilizzata per allentare la morsa dell’acqua sul fiume. Sulla restante parte del fondo insisteranno edifici residenziali e con funzione compatibile pari al 20% per una superficie complessiva di quasi 3 mila e 500 metri quadrati.

Nella relazione, gli architetti scrivono che “le scelte progettuali di recupero degli edifici esistenti unitamente alla realizzazione dei nuovi, composti da unità abitative autonome su due livelli, avverrà nel rispetto delle caratteristiche architettoniche di quanto attualmente già esistente nell’area. Gli spazi verdi così come progettati prevedono anche di raccordare le diverse quote dalle strade di confine alla pista ciclopedonale lungo il Villoresi”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi