13 Novembre 2019 Segnala una notizia
Monza, esposto dei residenti contro il centro sociale Foa Boccaccio

Monza, esposto dei residenti contro il centro sociale Foa Boccaccio

29 Maggio 2018

Un esposto contro il centro sociale Foa Bocaccio di via Ghilini. Giunti al limite della sopportazione per una situazione che oramai sta scappando di mano, i residenti delle vie Ghilini, Rosmini e Valdossola hanno deciso di prendere carta e penna e scrivere al Comune e alla Prefettura per segnalare l’organizzazione di eventi non autorizzati al quale partecipano alcune migliaia di persone, musica ad alto volume e schiamazzi fino a notte fonda, oltre a seri problemi di parcheggio e viabilità legati alla presenza del centro sociale nell’ex campo sportivo Verga. Il disagio dei residenti è stato portato in Consiglio comunale da due consiglieri della maggioranza, che hanno sollecitato l’amministrazione comunale a prendere provvedimenti.

I due consiglieri sono Salvo Russo, della Lega Nord, e Marco Nasi, di Fratelli d’Italia. Il problema del centro sociale è letteralmente esploso dopo mesi di sostanziale silenzio un paio di settimane fa, dopo che all’interno del campo sportivo occupato dai ragazzi anni fa è stato organizzato una specie di rave party durato da mezzanotte fino al mezzogiorno del giorno successivo. Una specie di incubo per i residenti che a quel punto hanno deciso di rompere gli indugi e mettere tutto nero su bianco per chiedere un intervento. Ma oltre alla musica ad alto volume e agli schiamazzi che rendono molto complicato dormire la notte, il problema della presenza del centro sociale si sta trasformando anche in una questione viabilistica.

Via Ghilini è una strada molto poco trafficata, ma è anche una strada molto piccola, con una capacità di parcheggi ridotta. L’organizzazione di eventi e di feste comporta inevitabilmente l’arrivo di molte persone, i residenti parlano addirittura di qualche migliaio, che trasformano la strada i qualcosa di molto simile a corso Buenos Aires nell’ora di punta. La palla, a questo punto, passa all’amministrazione comunale e alla Prefettura e l’assessore alla Sicurezza del Comune di Monza, Federico Arena, è stato molto chiaro: “Lo sgombero del centro sociale si farà”. Quando, tuttavia, non è ancora dato da sapere. “E’ una priorità – ha spiegato l’assessore -. Abbiamo già preso contatti con la Federazione italiana gioco calcio, proprietaria del campo, che dovrebbe inviarci dei piani di recupero e riqualificazione, grazie ai quali noi potremo poi procedere”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi

Artigiano in Fiera: novità 2019 accesso gratuito con pass. Scopri come ottenerlo

Appuntamento dal 30 novembre all'8 dicembre nei padiglioni di Rho Fiera con apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.30.

Monza, pulizia d’autunno al deposito veicoli abbandonati della polizia locale

Negli anni sono stati accatastati 33 fra autoveicoli e motocicli e 29 biciclette che nessuno a ha rivendicati. Saranno demoliti

Il 1° dicembre la “non inaugurazione” della piscina di Vimercate

Evento di stampo ironico organizzato dal gruppo informale "Cosa resterà della piscina di Vimercate"

Monza, auto in divieto di sosta blocca il bus, traffico in tilt

Autobus bloccato in mezzo alla strada. Sono stati avvisati subito gli agenti della polizia locale.

Ferrero: nuove assunzioni di operai e altre figure a novembre

Rinnovati gli annunci di ricerca operai e altre figure negli stabilimenti e sedi italiane.