09 Marzo 2021 Segnala una notizia
Monza piange la scomparsa di Franca Casati storica presidente del Panathlon

Monza piange la scomparsa di Franca Casati storica presidente del Panathlon

9 Maggio 2018

L’intera città di Monza piange la scomparsa di Franca Longoni Casati, storico volto della città, mancata all’età di 90 anni martedì 8 maggio. Da sempre attiva nel mondo sportivo e culturale monzese, è stata la storica presidente del Panathlon Club Monza e Brianza. Nel 2012 era stata anche premiata con il Giovannino d’Oro, massima onorificenza cittadina per il suo impegno attivo nella Federazione Italiana Sport Invernali. Era un volto conosciuto in città anche per la presenza fissa nella sua fototecnica in piazza Carducci.

Cordoglio è stato espresso da parte dell’amministrazione comunale.

Il sindaco Dario Allevi ha ricordato in particolare il sorriso sempre giovane e spontaneo di Franchina. “Una donna che si è sempre spesa in prima persona per lo sport  e la solidarietà in città– ha affermato il primo cittadino -. Storica Presidente del Panathlon Club Monza e Brianza lascia un vuoto incolmabile. A me e a tutta la comunità monzese mancheranno le sue battute, i suoi consigli ed anche i suoi rimproveri, fatti sempre però con quella generosità d’animo che ha contraddistinto la sua esistenza”.

Franca Casati è stata inoltre Stella di Bronzo, Stella d’Argento e infine Stella d’Oro del CONI, Consigliere Regionale e Provinciale FISI e Insegna d’Oro dell’Unione Società Sportive Monzesi.

Aveva collaborato a lungo anche con il mondo della scuola per diffondere l’attività sportiva tra i giovani, come occasione per promuovere i valori positivi ed educativi dello sport.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Paola Brambillasca
Da sempre con una matita in mano. All’inizio disegno, alla fine scrivo. Per diletto e per lavoro. Sono fortunata, riesco a fare ciò che amo.


Articoli più letti di oggi