03 Marzo 2021 Segnala una notizia
Condannato a otto anni l'imprenditore dei rottami di Desio

Condannato a otto anni l’imprenditore dei rottami di Desio

12 Maggio 2018

L’imprenditore dei rottami Massimiliano Cannarozzo, arrestato tre anni fa dalla Guardia di Finanza di Milano, è stato condannato nei giorni scorsi dal Tribunale di Monza a otto anni, al termine del processo di primo grado scaturito dalla maxi inchiesta coordinata dalla Procura Monzese, nel quale è finito indagato insieme a diverse altre persone, con accuse a vario titolo per associazione per delinquere finalizzata al traffico di rifiuti, frode fiscale e bancarotta fraudolenta.

Quando fu arrestato le fiamme gialle gli sequestrarono beni per circa 4 milioni di euro, tra cui auto di lusso, conti correnti e proprietà, che a seguito della sentenza sono stati in parte confiscati. Secondo l’accusa Cannarozzo aveva messo in piedi un raggiro tramite il quale avrebbe creato un giro di società con le quali avrebbe commerciato rifiuti in metallo all’interno del mercato nero, per poi emettere false fatture per circa 129 milioni di euro, denaro poi riciclato anche all’estero.

Condannati con lui, sempre nello stesso processo, anche un commercialista, un altro imprenditore e altre quattro persone. Assolto invece dalle accuse Antonino Fuscoli. In totale le assoluzioni chieste a conclusione dibattimento sono state cinque, ma i giudici hanno accolto soltanto quella di Fuscoli.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi