24 maggio 2018 Segnala una notizia
Desio: venerdì incontro pubblico su Biotestamento e Cure Palliative

Desio: venerdì incontro pubblico su Biotestamento e Cure Palliative

15 maggio 2018

Dai servizi di terapia del dolore e dalla sensibilità degli anestesisti-rianimatori, negli ultimi decenni sono nate le Cure Palliative con l’intento di farsi carico del malato nella sua totalità, sotto l’aspetto clinico, fisico, morale, sociale e spirituale. Per restituirgli qualità di vita, privilegiando la comunicazione e accompagnandolo dignitosamente “nel morire”, non “a morire” accanto alla famiglia. Portate finalmente a termine di legge, con la 38 del 15 marzo 2010, le Cure Palliative restano comunque ancora un’opportunità poco conosciuta.

La successiva e recente approvazione della legge cosiddetta sul biotestamento, n. 219 del 22.12.’17: “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, può segnare un discreto cambiamento per il mondo delle cure mediche, in particolare di quelle per alleviare il dolore. Quali orizzonti e nuovi scenari apre questo passo legislativo? E con quali implicazioni etiche e scientifiche?  Quanto è informata e preparata la società odierna nei confronti di argomenti quali biotestamento, DAT, sedazione palliativa o terminale?

Se ne discute venerdì 18 maggio, alle ore 20.30, a Desio, all’Auditorium Banco Desio, nel corso di una serata, promossa da Arca Onlus, associazione che, in Brianza, da quasi 30 anni si occupa di assistenza, ricerca e cura degli ammalati terminali. “Biotestamento, cure palliative. Un aiuto in più alla gestione dignitosa della vita” – questo il titolo dell’incontro – vedrà l’intervento di esperti di bioetica, diritto, medicina.

Relatori: Lorena Forni, ricercatrice di filosofia del diritto, bioeticista, docente di teoria generale e metodi del diritto, Università Milano -Bicocca; Luciano Orsi, medico chirurgo esperto di etica; Mario Picozzi, professore associato Medicina legale, Università degli Studi dell’Insubria, direttore Centro ricerca etica clinica.

Modera Giuseppe Anzani, presidente emerito Tribunale di Como e editorialista. Sottolinea il presidente di Arca, Mario Caspani: “Il contesto sociale in cui viviamo tende a rifiutare l’idea della sofferenza e della morte. Con questo incontro, che ci auguriamo possa rappresentare un momento di arricchimento e di scambio importante, intendiamo continuare a sensibilizzare le persone sugli strumenti e sulla cure che abbiamo a disposizione per accompagnare il malato nell’ultimo tratto dell’esistenza, alleviandogli il dolore e rispettandone appieno la volontà”.

L’ingresso è libero. Ulteriori informazioni: telefono  0362.628146  associazione.arcaonlus@gmail.com

Venerdì, 18 maggio, ore 20.30, Auditoriun Banco Desio, via Rovagnati 1, Desio (MB)

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

L’Ndrangheta in Brianza e perchè l’inchiesta Domus Aurea è solo all’inizio

Inchiesta dopo inchiesta il Pm Bellomo sta scoprendo anche in Brianza i legami con la malavita. Restano ancora molte cose da scoprire.

Vimercate, auto contromano in Tangenziale Est: grave un 84enne

L'uomo ha percorso diversi chilometri in direzione opposta al senso di marcia, fino allo scontro frontale con un'automobile guidata da un 47enne che non sarebbe in pericolo di vita

Commercio, a Seregno il cinese Sandro apre l’Iper Store Bazar

Nel locale di via Valassina si possono trovare prodotti di ogni categoria merceologica. Accoglienza, pulizia e ordine sono un must.

Giuseppe Malaspina: il passato difficile, l’ascesa e l’arresto

Ecco il ritratto di un uomo descritto dai suoi stessi collaboratori "di una bramosia oltre decenza".

Il “salotto buono” di Monza sotto scacco tra gang di ragazzi, droga e degrado

Commercianti e residenti sul piede di guerra. L'amministrazione, in particolare l'assessore alla Sicurezza, sta pensando di assumere delle guardie private.