26 Luglio 2021 Segnala una notizia
Autodromo, venerdì l'udienza sui fondi neri delle sponsorizzazioni

Autodromo, venerdì l’udienza sui fondi neri delle sponsorizzazioni

9 Maggio 2018

È prevista per venerdì in Tribunale a Monza l’udienza preliminare per nove indagati nell’inchiesta della Procura di Monza, svolta dalla Guardia di Finanza, su un presunto giro di frodi fiscali e riciclaggio di denaro, nel quale sarebbero finite anche le sponsorizzazioni di team e piloti di Formula Uno e Rally, passando attraverso tre livelli internazionali di società offshore e fiduciarie, conclusasi lo scorso anno con l’arresto di cinque imprenditori, tre italiani (di cui uno residente a Dubai, uno a Londra e uno in Brianza) e due svizzeri, tra gli 82 inizialmente indagati a vario titolo a Monza (alcune posizioni sono state archiviate, altre trasmesse agli uffici giudiziari di competenza) per associazione a delinquere, frode fiscale e riciclaggio per un importo complessivo di 75 milioni di euro.

Nell’inchiesta finirono anche 85 società, che tra il 2007 e il 2014 avrebbero emesso false fatturazioni ad altre società coinvolte nel raggiro, di fatto beneficiando dell’abbattimento dell’imponibile. Stando all’inchiesta tre società inglesi, la “Ara Service l.t.d”, la “Proflexy Service l.t.d” e la “Ad Evolution”, sponsor delle corse automobilistiche, avrebbero pagato con parte del denaro fraudolento, le sponsorizzazioni di ignari piloti e team dei campionati automobilistici.

A gestire la presunta associazione a delinquere, secondo l’inchiesta, sarebbero stati gli imprenditori L.P.,piacentino di 61 anni residente a Dubai, arrestato su mandato di cattura internazionale ma mai estradato, E.R., 51 enne di Lissone, I.V., pescarese residente a Londra di 41 anni, A. B., 60 anni svizzero, e A. S., Italo svizzero di 49 anni residente a Dubai. Le posizioni di altri sette italiani indagati a piede libero (non per associazione a delinquere), sono state invece trasmesse per competenza alle Procure in alcune province in Veneto, Friuli, Lazio, Calabria e Sicilia.

La Procura di Monza ha inoltre smentito che le indagini abbiano subito ulteriori sviluppi, per la propria competenza, dalla chiusura dell’inchiesta. Venerdì, il Gup Emanuela Corbetta, deciderà anche in merito alle richieste di patteggiamento e riti alternativi presentate da alcuni degli indagati.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi