15 agosto 2018 Segnala una notizia
Assolombarda e Adapt: ecco il libro "Il Futuro del Lavoro"

Assolombarda e Adapt: ecco il libro “Il Futuro del Lavoro”

17 maggio 2018

Dichiarazione di Mauro Chiassarini, Vicepresidente Assolombarda

“Stiamo attraversando un periodo di profonda trasformazione. È in corso, infatti, una nuova fase di globalizzazione con Industry 4.0 e, più in generale, con la diffusione di tecnologie digitali che consentono lo sviluppo di filiere internazionali senza integrazione fisica. In altre parole le imprese possono competere a livello internazionale senza delocalizzarsi. In questo scenario assume un particolare valore il territorio. Dall’altra parte però abbiamo problemi strutturali ancora irrisolti come l’occupazione (in Italia il tasso di occupazione è ancora fermo al 58,2, al penultimo posto nell’Area Euro), la produttività (secondo le ultime previsioni cresce meno del costo del lavoro: +0,4% contro +1,2% nel 2018) e la sostenibilità del welfare.

Partendo dall’analisi di questo scenario ci siamo posti una domanda: quale sarà il lavoro tra una decina di anni? Con il documento “Il Futuro del Lavoro” abbiamo voluto dare voce alle imprese, con l’obiettivo di portare un contributo concreto per la costruzione di un mondo del lavoro che sappia vincere le sfide del futuro.
Per cominciare abbiamo identificato cinque aree di cambiamento – le nuove tecnologie, il fattore demografico, la dinamica territoriale, le competenze e la rappresentanza – e per ognuna di queste abbiamo fatto un’analisi degli scenari, dei cambiamenti e degli impatti sul mercato del lavoro ed elaborato una serie di proposte. Tra tutti gli spunti contenuti nel volume, vorrei soffermarmi su due in particolare: la digitalizzazione e la questione demografica.

La trasformazione digitale rende evidente che c’è un gap di conoscenze da colmare, affinché la domanda delle aziende e le competenze dei lavoratori possano incontrarsi pienamente. Una proposta in questo senso potrebbe essere quella di alfabetizzare, a livello digitale, tutti i lavoratori e i cittadini del nostro territorio.

Un altro importante tema è la questione demografica: l’atteso invecchiamento della popolazione porterà a un conseguente invecchiamento dei lavoratori, mentre la spinta all’innovazione richiede costante un aggiornamento di competenze. Anche in questo caso le imprese possono giocare un ruolo fondamentale insieme con i centri di formazione, le università e le istituzioni.
Dai due esempi emerge la centralità del territorio, luogo in cui la collaborazione e integrazione di tutti gli attori diventa il fattore di successo.”

Dichiarazione di Francesco Seghezzi, Direttore Fondazione Adapt

“Ci troviamo oggi di fronte ad un insieme molto complesso di cambiamenti nel mercato del lavoro, che nei prossimi anni si rafforzerà. Per questo abbiamo voluto guardare a un orizzonte lontano, prendendo in considerazione tutti gli aspetti che ci sono sembrati fondamentali: il ruolo della tecnologia, i profondi cambiamenti demografici, il ruolo centrale della formazione e delle competenze fino all’ambiente e ai territori.

Il testo che presentiamo oggi ha così l’ambizione di tratteggiare, senza esaurirle, le principali sfide che tutti, e soprattutto imprese e lavoratori, saranno chiamati ad affrontare nel prossimo ventennio. Non crediamo ad uno scenario nel quale il lavoro scomparirà. Ma ad uno nel quale il lavoro cambierà profondamente, con professioni che verranno meno, altre che nasceranno e molte, più della metà, che cambieranno radicalmente a causa della spinta dell’innovazione tecnologica e della nuova fase della globalizzazione. Saranno quindi necessarie nuove competenze, ma soprattutto nuovi modelli organizzativi.

La persona e il suo lavoro saranno sempre più al centro con importanti rivoluzioni sui tempi di lavoro, sui luoghi e sulle modalità di retribuzione. Ma non è solo la tecnologia che cambierà il lavoro. I profondi mutamenti demografici possono essere una causa ancora più forte se pensiamo che nei prossimi anni la popolazione continuerà ad invecchiare, con conseguenze che ancora facciamo fatica ad immaginare sul welfare, sulle condizioni di lavoro, sulle competenze che saranno necessarie. In questo scenario abbiamo voluto ripartire dal territorio e dalla sua centralità. Da quel luogo nel quale i diversi attori del cambiamento possono unirsi e costruire valore condiviso.”

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Lissone, massaggi a luci rosse in appartamento: due donne in manette

Le due, 48 e 37 anni, adescavano clienti su Internet e offrivano il loro "servizio" in una casa di via Mazzini. Troppe le segnalazioni dei vicini, insospettiti da un insolito via vai

Besana. Spaccata in pizzeria a Valle Guidino, ma il furto finisce male

Un brutto week end per un pizzaiolo besanese: i delinquenti hanno fatto visita al suo negozio portandosi via il registratore di cassa

Pedemontana, migliaia di solleciti in arrivo per il mancato pagamento del pedaggio

L'associazione Hq Monza segnala le incongruenze di un sistema interamente on line che non facilita il saldo da parte dei pendolari

Torna “Vimercate e Vino”, all’insegna del motto “bere meno e bere meglio”

La kermesse animerà i weekend del 30 e 31 agosto e dell'1 e 2 settembre, con degustazioni di vini rossi e bianchi provenienti da tutta Italia

Nuotare in Brianza? Ecco gli orari estivi delle piscine

L'estate si avvicina ed il caldo si fa sempre più torrido, l'unica soluzione per chi resta in Brianza? Le piscine all'aperto!