23 aprile 2018 Segnala una notizia
Fallito per crediti dello Stato: lunedì gli tolgono la casa. Monza è con lui

Fallito per crediti dello Stato: lunedì gli tolgono la casa. Monza è con lui

13 aprile 2018

Il gruppo Facebook “Easy Monza”, diciannove mila utenti iscritti, ha lanciato una petizione in rete indirizzata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, perché blocchi la procedura di sfratto esecutivo di un imprenditore monzese fallito a causa dello Stato, prevista per il 16 aprile prossimo.

“Sergio Mattarella: non portate via la casa a Sergio Bramini; uno Stato forte con i giusti, che non vorremmo” è il titolo della petizione lanciata su “Change.org” e proposta dagli utenti della rete i quali, unitamente ad altre centinaia di cittadini, sempre tramite la rete si sono dati appuntamento davanti casa dell’imprenditore lunedì prossimo, quando verrà pignorata dal Tribunale di Monza.

Sergio Bramini, settantenne imprenditore Monzese, a quanto si è appreso ha chiuso i battenti della sua azienda con un credito di 4 milioni di euro dallo Stato. Pur di non lasciare a casa i suoi dipendenti, in attesa di ricevere i pagamenti, Bramini aveva ipotecato la casa, che ora finirà all’asta.

“Io sono fallito per colpa dello Stato, con me vivono i miei figli e la mia nipotina. Ho pensato al suicidio”. Sono le parole che Sergio Bramini, 70 enne ex titolare della “Icom Spa”, fallita azienda di gestione rifiuti, che in passato si occupò anche dell’impermeabilizzazione della linea 3 della Metropolitana di Milano, ha più volte ripetuto ma in realtà ha continuato a battersi come un leone per salvare la sua azienda prima e per tenersi la sua casa, rimanendo lucido, onesto e corretto.

“Era florida, ho vinto diversi appalti nel Sud Italia, in Sicilia e a Napoli per l’emergenza rifiuti – spiega l’imprenditore parlando della sua società – ma i pagamenti non sono arrivati e le banche hanno interrotto le linee di credito”.
L’imprenditore avrebbe potuto chiudere licenziando tutti “ho scelto di pensare alle trentadue famiglie che dipendevano da me, ipotecando la casa, ma con 4 milioni di euro di crediti dalla pubblica amministrazione e 300mila da privati, sono fallito”.

Nessuno di quei lavoratori che lui ha tentato di aiutare e mantenere al lavoro con tutte le sue forze, si è mai più fatto vedere o sentire da lui, anche adesso che la sua vicenda è diventata di dominio pubblico.

Il Tribunale ha decretato il suo fallimento nel 2011, solo due anni dopo è entrata in vigore una legge europea, che obbliga lo stralcio di posizioni derivanti dal mancato pagamento della Pa, ma lui non ne può usufruire. A luglio il Tribunale di Monza ha ordinato lo sfratto con provvedimento immediato per Bramini e la sua famiglia “una decisione incomprensibile, il curatore fallimentare ha 18 mesi di tempo per vendere la mia casa – ha precisato l’imprenditore – la mia villa e gli uffici valgono circa due milioni di euro, e verranno venduti a prezzi ridicoli”.

Sulla questione è intervenuto sia il Movimento 5 Stelle sia la Lega. Astuta la mossa dei M5S. Il Senatore Corbetta ha deciso oggi in extremis di eleggere lì il suo ufficio parlamentare. Ciò si significa che per legge  potrebbe non essere pignorato godendo di particolari privilegi.

Lunedì è prevista l’esecuzione del pignoramento della sua villa. Noi di MBNews saremo là, per documentare anche questo…

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Arcore, si ribaltano in rotonda con un’auto d’epoca: grave l’autista

Brutto incidente oggi alle 18 alla rotonda che collega viale Matteucci con la Sp 45: padre e figlio si sono ribaltati con una 500 azzurra.

Ai piedi del ciliegio secolare con il suv: adesso arrivano le guardie!

Solca i sentieri con la sua macchina, facendo lo slalom tra i ciclisti, per scattare la foto perfetta del ciliegio secolare. Confermata quindi la tesi di Corbetta: servono le guardie

Trovato con hashish, anabolizzanti e medicine: indagato un 44enne di Lissone

Si pensa che l'uomo utilizzasse i componenti trovati per la preparazione delle cosiddette "bombe" per atleti, body builder e culturisti: indagini in corso

Monza, da chiesa (sconsacrata) a locale notturno: ecco il recupero del Buon Pastore

Seconda tappa del tour delle aree dismesse organizzato dall'assessore all'Urbanistica, Martina Sassoli. L'area conta 30 mila metri quadrati di superficie buona parte dei quali destinati a verde pubblico

Monza, notti della civetta: al Parco due escursione alla scoperta dei rapaci

Le escursioni aperte a tutti e gratuite saranno dedicate all'ascolto di canti e richiami.