17 Febbraio 2020 Segnala una notizia
Parco di Monza, runner azzannato da un cane. E il proprietario lo sfotte

Parco di Monza, runner azzannato da un cane. E il proprietario lo sfotte

23 Aprile 2018

Azzannato da un cane di grossa taglia a una natica. Anche se potrebbe far sorridere, l’aggressione subita domenica mattina da Gabriele Manazzale mentre correva nel Parco di Monza assieme a un amico è l’ennesima dimostrazione di una situazione oramai fuori controllo, dove a farla da padrone sono inciviltà e maleducazione. Gabriele, infatti, dopo essere stato morsicato, è stato anche preso in giro dal proprietario dell’animale. Ma andiamo con ordine.

Gabriele, che ha poco più di 40 anni, ama correre. Partecipa a gare di ogni tipo e abitando vicino al Parco di Monza utilizza il polmone verde come una palestra, un luogo dove allenarsi e trovare il giusto equilibrio psico – fisico per compiere sforzi intensi e prolungati. Domenica mattina di buon ora si è alzato e come d’abitudine si è fatto trovare puntuale alle 7 all’ingresso porta Monza, dove lo aspettava un amico.

Quattro chiacchiere, un po’ di riscaldamento e poi via a macinare chilometri. Il percorso prescelto è stato quello della Mezza Reale, poco più di 21 km lungo viali e sentieri del Parco. Un vero spettacolo della natura, soprattutto la mattina presto quando in giro c’è ancora poca gente. Tuttavia, più o meno all’altezza di Villa Mirabellino, la coppia si è imbattuta in una coppia cani di grossa taglia lasciati liberi dal padrone, che a pochi metri di distanza, col guinzaglio in mano, chiacchierava con alcuni amici. 

“Prima si è avvicinato un cane e subito dopo l’altro – ha spiegato Gabriele -. Non so la razza, ma non erano cani che pensi che non ti facciano niente. Anzi, avevano un fare minaccioso. Prima si sono avvicinati toccandoci le gambe e poi, dopo averci girato attorno mentre continuavamo a correre, uno mi ha morsicato il sedere. Il padrone ha visto tutto, ma stava camminando e parlando con in mano i guinzagli e se ne è sbattuto altamente”.

Il peggio però doveva ancora arrivare. Infatti, anziché porgere le sue scuse, il proprietario non solo se ne è fregato di quello che stava accadendo, ma ha pure preso in giro l’aggredito con una battuta: “Si vede che avete un buon profumo” – ha detto ridacchiando. Ecco, dopo le aggressione di cani lasciati senza guinzaglio ai danni di scoiattoli e anatre del laghetto della Villa Reale, adesso è arrivato il turno delle persone. Gabriele, dopo essere stato morso, ha continuato a correre e tornato a casa si è fatto medicare. I segni, dice, si vedono ancora a distanza di ore.

“Ho pensato solo ad allontanarmi il più possibile da quei cani che il padrone ha continuato a lasciare liberi”. Gabriele non ha sporto denuncia. Ha lasciato perdere. Ma avrebbe dovuto. Ha ancora tempo per pensarci e nel frattempo segnaliamo noi l’ennesimo caso di inciviltà all’interno del Parco, dove la domenica fra chi gioca al pallone dove non dovrebbe, bici che sfrecciano in zone vietate e cani lasciati liberi di morsicare, regna l’anarchia. 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi

La Juve vince di rigore: secondo ko stagionale per il Monza, Brocchi irritato

Il cammino del Monza non cambia di una virgola: la corazzata di Brocchi è saldamente in testa alla classifica con un divario quasi abissale dalle inseguitrici.

Monza, morto Roberto Giussani artista e professore del liceo Preziosissimo Sangue

Ha dipinto fino all’ultimo. Come aveva sempre fatto nel corso della sua vita. E fino all’ultimo è stato con i suoi allievi. Roberto Giussani, professore del liceo artistico Preziosissimo Sangue di Monza è morto sabato 15 febbraio. Aveva 70 anni e lascia la moglie Gabriella. Una vita, la sua, dedicata all’arte. Nato a Monza, ha compiuto gli […]

Milano-Meda traffico paralizzato per un’auto ribaltata

Brutto sinistro lungo la Milano - Meda. Un'auto si è ribaltata e ha causato la paralisi del traffico diretto verso il capoluogo di regione. 

Nuovi appartamenti in via Val Seriana a Monza: la casa che cercavi c’è!

A Triante in via Val Seriana a Monza la società Iniziativa San Martino srl, sta realizzando in una nuova e moderna palazzina, trilocali, quadrilocali e attici con ampi terrazzi, giardini privati.

Mercato piazza Cambiaghi, nuova disposizione degli stand. Ma come è andata?

Al via il nuovo assetto del mercato del giovedì in piazza Cambiaghi. Ma come va la nuova disposizione? Lo abbiamo chiesto agli ambulanti.