Enpa macabro ritrovamento: resti di pecora in una borsa

I volontari hanno trovato una borsa contenente i resti di una pecora evidentemente macellata abusivamente e le teste di due anatre.

sacco-con-resti-by-enpa

La borsa degli orrori. Domenica, poco prima della chiusura del canile in via San Damiano, alcune volontarie dell’Enpa di Monza e Brianza, uscite per far passeggiare i cani lungo una strada ormai nota per essere una discarica a cielo aperto, hanno trovato una borsa  contenente i resti di una pecora evidentemente macellata abusivamente e le teste di due anatre.

Immediata la denuncia da parte dell’ente in seguito al macabro ritrovamento.

Questa però non è la sola tragica notizia. “La pioggia intensa dei giorni scorsi ha trasformato i campi agricoli in sabbie mobili e a farne le spese venerdì 13 aprile è stata una pecora, intrappolata nel fango nella zona di Monza tra via Ghilini e via Rosmini. –  spiega l’Enpa – La sua presenza, insieme a un agnello, è stata immediatamente segnalata dalla Polizia Locale all’ENPA di Monza e Brianza, che ha subito inviato due operatori con ambulanza per animali. Sul posto erano nel frattempo giunti anche i Vigili del Fuoco poiché risultava che gli animali fossero precedentemente finiti sul fondo del canale Villoresi senza possibilità di uscita. Ma è stata rinvenuta solo la pecora in quanto l’agnello sembrerebbe essersi allontanato per raggiungere di nuovo il gregge”.

Recuperato il povero animale, è stato immediatamente portato al canile di Monza e attivato il soccorso veterinario da parte dell’ATS.  “Purtroppo le sue condizioni generali erano troppo compromesse e, nonostante le cure intensive, è morta durante la notte tra sabato e domenica”.

Non è chiaro cosa abbia provocato le ferite, se un groviglio di filo spinato oppure i morsi di cani; e anche in questo caso non è facile stabilire se i cani da pastore l’abbiano aggredita oppure l’abbiano morsa nel tentativo di trarla in salvo.

Enpa di Monza e Brianza valuterà nei prossimi giorni l’ipotesi di una denuncia per abbandono nei confronti del proprietario dell’animale, dopo che si sarà chiarito chi sia il proprietario dell’animale o di chi lo stesso fosse in custodia.