05 Luglio 2020 Segnala una notizia
Milano, raddoppia l’oasi italiana dei tulipani: 2 ettari e 350mila fiori

Milano, raddoppia l’oasi italiana dei tulipani: 2 ettari e 350mila fiori

6 Aprile 2018

Ventimila metri quadrati di terreno coltivati e 350 mila fiori pronti per essere colti: così venerdì 6 aprile, alle ore 10.30, in viale della Repubblica a Cornaredo, per il secondo anno consecutivo, riapre i battenti la prima oasi italiana dei tulipani con l’inaugurazione ufficiale alla presenza degli amministratori locali.

Quest’anno – spiega la Coldiretti Lombardia – i visitatori non solo troveranno un campo più grande, ma potranno scegliere tra un numero maggiore di varietà e di tulipani: in particolare, se nel 2017 le varietà erano 180 oggi sono 312, mentre i fiori sono passati da circa 200 mila ai 350 mila attuali.

L’idea di un campo “u-pick”, cioè di raccolta fai da te, coltivato senza antiparassitari, è di Edwin Koeman (41 anni) e Nitsuhe Wolanios (32 anni), soci della Coldiretti di Milano, Lodi, Monza e Brianza, che l’hanno importata dagli Stati Uniti e che ha fatto vincere alla coppia il premio che ogni anno Coldiretti assegna all’innovazione giovane in agricoltura.

“Dopo il successo del 2017 – dichiara Edwin Koeman – quest’anno abbiamo un motivo in più per festeggiare: il 10 marzo scorso è stato il giorno più felice della nostra vita, perché è nata nostra figlia Leilani. Un nome esotico che significa “fiore del cielo”, e noi siamo davvero molto contenti di quello che è il più speciale e il più bello tra i nostri fiori”.

I tulipani – spiega la Coldiretti interprovinciale – si trovano all’interno del Parco Agricolo Sud Milano e crescono su un terreno preparato grazie alla collaborazione di alcuni agricoltori Coldiretti della zona: “Devo ringraziare la Coldiretti che anche quest’anno ci ha garantito un aiuto fondamentale – spiega Koeman -. Un merito particolare lo dobbiamo a Donato Redondi, il cerealicoltore di Rho che come l’anno scorso ci ha dato una mano ad arare il terreno e a seminare i bulbi”.

Ci sarà ancora un giardino solo espositivo in cui ammirare tutte e 312 le varietà di tulipani, suddivise in ordine alfabetico e con cartelli indicatori; e poi l’area “u-pick” vera e propria, dove poter cogliere i fiori preferiti. Ma stavolta, oltre ai filari misti, Edwin e Nitsuhe hanno raccolto l’appello del web e hanno riservato una parte del campo a filari monocolori e a due colori sull’esempio di quelli olandesi. Il garden è aperto al pubblico tutti i giorni dalle ore 9 alle 19.30, con prenotazione obbligatoria dal giovedì alla domenica.

Foto apertura edizione 2017, archivio MBNews

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Aggiornamento Coronavirus: i dati diffusi da Regione Lombardia al 4 luglio

I dati di oggi riportano buone notizie per quanto riguarda il calo dei ricoveri (-10), con un positivo '- 5' relativamente alle terapie intensive.

Monza, IMU non pagata: dal comune 226 avvisi di accertamento

Gli avvisi di accertamento avvertono dell’irregolarità e sollecitano i cittadini a mettersi in regola per evitare ulteriori, nonché più gravose, conseguenze.

Invisimask: le innovative mascherine trasparenti per tornare a sorridere

Pensata e realizzata dall’azienda milanese di Davide Credaro è il prodotto del momento indispensabile per i non udenti.

Arcore, Berlusconi ha in mente una pinacoteca? Il progetto passerà dal Consiglio

La giunta Colombo è al lavoro insieme ai tecnici del Cavaliere per stendere una convenzione legata al progetto urbanistico.

Asfalti Brianza, notte da incubo a Concorezzo. Capitanio: “Denunciate i malori alla polizia”

Il comitato: "Gli odori insopportabili e la consapevolezza che l'azienda liberi nell'aria sostanze cancerogene, stanno facendo crollare la credibilità delle istituzioni territoriali"