01 Marzo 2021 Segnala una notizia
DIARIO DI VIAGGIO. La 3D del Vanoni in Grecia – Giorno 3

DIARIO DI VIAGGIO. La 3D del Vanoni in Grecia – Giorno 3

11 Aprile 2018
Sono al loro terzo giorno di viaggio in Grecia e noi li stiamo seguendo virtualmente pubblicando i loro racconti. Gli studenti di 3D dell’Istituto Vanoni di Vimercate, indirizzo Turismo hanno interamente programmato il tour allo scopo di approfondire la materia dell’Itinerario turistico. Bellissimo progetto!

GIORNO 3 – Martedì 10 aprile
LE METEORE

Dopo la sveglia delle 8:00, ci siamo ritrovati fuori dall’hotel per cercare qualcosa da portare con noi lungo i 20 km di trekking che ci aspettano oggi.

Dopo aver preso d’assalto varie panetterie siamo riusciti a riempirci gli zaini di sfoglie con spinaci e feta, panini e ciambelle con il sesamo. Sotto un cielo luminoso abbiamo preso di petto la dura salita per uscire dal villaggio.

I sentieri per salire a piedi alle Meteore non sono molto segnalati, ma in varie ricerche in internet siamo riusciti a raccogliere le informazioni fondamentali per organizzare un trekking.

Lungo la impegnativa salita iniziale, tra piante in fiore e colonne di roccia arenaria impressionanti, Veronica ci ha descritto l’origine e la morfologia delle Meteore (parola che deriva dal greco antico  e significa: “sospesi in aria”). In seguito Maddalena ci ha raccontato la storia del luogo, che alcuni eremiti scelsero per stabilirsi a vivere e meditare tra le rocce e successivamente vennero abitati dai monaci, che qui si stabilirono per sfuggire alle persecuzioni ottomane.

Dopo una impegnativa ora e mezza di salita abbiamo raggiunto il primo monastero, Varlaam, di cui Luca ci ha illustrato in particolare il Catholicon, la cupa chiesa posta al suo centro e piena di riflessi dorati.

Terminata la visita ci siamo potuti sedere a gustare il nostro pranzo al sacco davanti a un paesaggio che sembrava uscito da una favola.

Nel pomeriggio siamo poi ripartiti verso il secondo monastero chiamato Grande Meteora.

Paolo ci ha parlato della sua fondazione, risalente al 1536, e della sua imponente costruzione che sorge su uno sperone di roccia a 600 metri s.l.m. Gli ambienti interni del monastero sono costruiti sullo stile di quelli presenti sul Monte Athos.

Prima di terminare la visita ci siamo divertiti a scattarci qualche foto sulla balconata dalla quale era possibile ammirare un panorama mozzafiato. La cosa bizzarra è stata che le ragazze dovevano indossare una specie di gonna per coprire le gambe.

Usciti da questo monastero Marta ci ha parlato del monastero di Ypapantis, costruito nelle rocce, ma che sfortunatamente non abbiamo potuto visitare perché chiuso. Questo monastero è uno dei più lontani da Kalambaka, situato tra le roccie in una posizione spettacolare e aperto solo una volta l’anno, il 2 di febbraio, il giorno in cui per il calendario ortodosso si celebra la presentazione di Gesù al tempio.

Verso le 16, dovendo ripercorrere la strada verso casa, abbiamo deciso di fare ritorno. Rispetto alle previsioni iniziali ci siamo lanciati a capofitto per sentierini meno battuti e scorciatoie alternative, giungendo in breve tempo all’abitato di Kastraki vecchia e da lì verso Kalambaka.

Con tanta fatica, ma la sensazione di aver compiuto una piccola impresa, siamo arrivati in hotel per le 18.

Le gambe sono stanche, ma ci aspetta una lunga giornata di trasferimento in cui saremo in treno e poi in traghetto verso l’isola di Agistri.

Seguiteci anche domani e venite con noi dalla montagna verso il mare.

Marta Siviero
Maddalena Lecchi
Veronica Pirotta
Luca Cacciano
Paolo Giambersio
STUDENTI 3D del VANONI

PUNTATE PRECEDENTI
GIORNO 1 – SALONICCO
GIORNO 2 – KALAMBAKA

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi