24 Ottobre 2021 Segnala una notizia
A processo per molestie su stagiste, testimoni: un bravo professionista

A processo per molestie su stagiste, testimoni: un bravo professionista

16 Aprile 2018

Non era un orco, ma un professionista serio che trattava le stagiste con rispetto e non era mai solo con loro. Questo, in sostanza, il contenuto delle testimonianze rese in aula da alcune dipendenti dei centri estetici di Massimo Covella, il 54enne di Cavenago, a processo (a porte chiuse) per presunte molestie sessuali su minori e arrestato a luglio, oggi ai domiciliari.

Secondo le indagini della Polizia di Stato, l’uomo avrebbe molestato sessualmente quattro giovani che erano arrivate ai suoi centri con il programma di alternanza scuola-lavoro. Con il pretesto di insegnare alle stagiste le tecniche per effettuare massaggi, stando all’inchiesta, il titolare le avrebbe costrette a subire molestie. Attraverso una segnalazione fatta dal personale di un consultorio familiare di Vimercate da una 15 enne presunta vittima, nel febbraio dello scorso anno sono partire le indagini sia vagliando le dichiarazioni di ragazzine che hanno lavorato nei suoi centri, sia con intercettazioni telefoniche ed ambientali.

In aula però, alcune dipendenti dell’imprenditore avrebbero fornito di lui un ritratto totalmente diverso, descrivendolo come un serio professionista che non sarebbe mai rimasto solo con le minori.

Si torna in aula il 23 maggio con altre testimonianze, mentre 18 giugno sono previste le conclusioni.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi