20 Ottobre 2020 Segnala una notizia
Polemica inceneritore, Bea si difende: "Dati alla mano, inquina meno del traffico"

Polemica inceneritore, Bea si difende: “Dati alla mano, inquina meno del traffico”

21 Marzo 2018

Questione annosa e controversa. Quella che apre il fuoco contro l’inceneritore di Desio. Ma dalle polemiche scaturite in questi anni, B.E.A risponde con una ricerca. “Siamo molto soddisfatti dei dati emersi dallo studio effettuato dal Politecnico, uno studio che abbiamo voluto commissionare senza clamori”. A dichiararlo è la senatrice Daniela Mazzuconi, presidente della società.

 

Desio. Martedì 20 marzo. Presso la propria sede di via Gaetana Agnesi, Bea ha presentato, ufficialmente, i risultati dello studio commissionato al dipartimento di ingegneria civile ed ambientale, del Politecnico di Milano. Una conferenza a cui ha presenziato, oltre alla Mazzuconi, il direttore generale, Alberto Cambiaghi. Scopo dello studio, fornire dei dati scientifici. Numeri, quindi, per chiarire l’effettiva emissione di agenti inquinanti dell’impianto  di termovalorizzazione desiano. “Una ricerca – dichiara il presidente – che rappresenta un punto fermo dopo tanti allarmi lanciati da chi, pregiudizialmente e senza accompagnare le polemiche con soluzioni alternative valide, si schiera da sempre contro il servizio di Bea”.

 

Una necessità. Quella di bruciare i rifiuti. Privati e industriali. La conseguenza, quella dell’emissione di gas nell’atmosfera. Paure. Al centro, il benessere dei cittadini. Ansie e quindi polemiche. La volontà, per lungo tempo negata o rimandata, di scoprire l’impatto delle emissioni sulla salute. Un ciclone, nel cui occhio, ci è finita proprio Bea. Da qui la volontà o forse, la necessità. L’acquisizione di dati. Lo studio e la comparazione. Una ricerca, consegnata lo scorso febbraio, che riguarda l’area compresa tra il comune di Desio e i comuni limitrofi di Varedo, Bovisio Masciago, Cesano, Muggiò e Nova Milanese.

Una necessità, che a onor del vero, nasce per confrontare un precedente studio, effettuato nel 2017, da parte della società Servizi Territoriali S.r.l. per conto del comune di Desio. Un’analisi, che a quanto pare, si era basata solo sulle emissioni di ossidi di azoto (NOx) dell’impianto. “Lo studio commissionato al Politecnico – precisa Cambiaghi – confronta il contributo reale del termovalorizzatore e non il contributo stimato cui fa invece riferimento quello portato avanti dal comune“. Tavola 1 Tavola 2

Spiega meglio Cambiaghi. “L’indagine del comune ha preso in considerazione un dato teorico, che prescinde i dati reali di emissione. Ha seguito ossia l’assunto, che l’impianto emettesse costantemente il valore massimo di emissioni consentito per legge”. Si tratterebbe, in parole povere, di dati falsati e poco concreti. “I dati in nostro possesso – conclude il direttore generale – dimostrano che le emissioni sono 6 volte inferiori a quelle paventate dal precedente studio“.

analisi delle emissioni del Politecnico.

Dati alla mano insomma e, se la matematica non è un’opinione, verrebbe da star tranquilli. I numeri, del resto, parlano chiaro. Secondo l’analisi riportata dal Politecnico, l’incidenza reale del forno è risultata essere dello 0,2% per gli ossidi di azoto. dello 0,001% per le polveri sottili e dello 0,0005% per le diossine. “L’inquinamento veicolare – dichiara Cambiaghi – è 10mila volte superiore a quello del nostro termovalorizzatore.

D’accordo, il traffico esiste ed è un fattore determinante. La società, per giunta, dichiara che “in questi ultimi anni, grazie all’apporto tecnologico – sostengono i due relatori con dati comparativi alla mano –  siamo anche riusciti a ridurre considerevolmente le emissioni”. Il problema, però, non è quanto l’impianto inquini di meno né se l’impianto abbia una scarsa incidenza sull’inquinamento. Il nocciolo della questione è quale sia l’incidenza degli agenti tossici sulla salute delle persone.  E se da una parte Mazzuconi può dichiarare: “Questo studio sfata il mito del cattivo inceneritore, che in questi anni ci ha perseguitato”, a controbattere è l’assessore Stefano Guidotti. “Sono contento, dopo anni di richieste, che finalmente Bea si sia decisa a fare uno studio. Tuttavia – sottolinea – nessuno li accusava”. Insomma, secondo Guidotti, excusatio non petita, accusatio manifesta. “La presentazione di questo studio – dice l’assessore – sembra più la volontà di presentare, in modo preventivo, delle scuse quando ancora nessuno li aveva attaccati. Le nostre richieste – precisa – sono solo una semplice volontà di capire e di studiare l’incidenza dei fumi sulla salute dei cittadini“.

Cerchiamo di far luce. Era il 21 marzo del 2017 . Guidotti, assessore all’igiene Urbana, aggiornava i comuni interessati circa la famigerata realizzazione di uno studio epidemiologico affidato, in teoria, al dottor Paolo Crosignani. Passa il tempo, un anno. Siamo nel 2018. Lo studio epidemiologico non è ancora stato realizzato. Tuttavia, una delibera acquisita agli atti in data 26-01-2018, convoca, in data 15-02-2018, una commissione proprio per illustrare il progetto ATS inerente a tale studio. Ossia analizzare nel dettaglio, lo stato di salute degli abitanti residenti nei comuni citati. Chiarisce Guidotti. “Senza dati scientifici, non possiamo essere certi di niente. Andremo semplicemente a studiare l’incidenza delle malattie sulla zona di ricaduta dei fumi. Se queste saranno sotto la media, allora la questione finirà li. Se, al contrario, l’incidenza risulterà sopra la media, cercheremo di capirne le cause e, quindi, di trovare la giusta soluzione. Per fare questo – conclude Guidotti – ci servono dei dati reali attraverso cui fare uno studio empirico”. D’altra parte, chiarisce la Mazzuconi, che MBNews ha voluto intervistare, “la scelta del Politecnico non è assolutamente tendenziosa. Rappresenta, al contrario, una massima autorità nel settore. Per di più – conclude – gli studi effettuati saranno messi a completa disposizione di Ats, per l’analisi epidemiologica”.

.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Monza, via Bergamo: chiedono una sigaretta a un ragazzo, poi lo prendono a calci e pugni

Violenta aggressione a Monza, in zona via Bergamo, ai danni di un giovane ragazzo italiano. E' stato lui stesso a chiedere l'intervento delle Forze dell'Ordine.

Velo Club Sovico: Castelli è bronzo ad Albino dopo una grande fuga

La medaglia di bronzo è comunque un risultato di grande rilievo che dimostra il grande stato di forma del ragazzino e il buon lavoro svolto sotto la guida dei tecnici Buttini e Redaelli.

Monza, il primo weekend di libertà divide i cittadini

Il primo weekend di libertà fa discutere. E adesso in tanti temono una ricaduta. Siamo stati a Monza per vedere come è andata la ripartenza.

Imparare sui social: si può (ed è divertente) con i ragazzi di ClipNotes

Un progetto made in Brianza vi farà vedere i social sotto una nuova luce. La nostra intervista ai ragazzi di ClipNotes.

Concorezzo: la bimba di 2 anni caduta dal balcone è fuori pericolo

Buone notizie per la bambina di 2 anni, caduta dal balcone, a Concorezzo: è finalmente fuori pericolo. A darne la lieta notizia è il sindaco, Mauro Capitanio, direttamente dalla sua pagina Facebook