20 Giugno 2021 Segnala una notizia
Morì per la rimozione di un palloncino gastrico, chieste condanne per medici

Morì per la rimozione di un palloncino gastrico, chieste condanne per medici

19 Marzo 2018

Era stata operata per la rimozione di un palloncino gastrico, nel 2011. Un intervento considerato “di routine” che, però, per la donna 66enne di Lesmo aveva significato la morte. I suoi familiari non si erano rassegnati al destino. Pretendendo di capire cosa fosse accaduto sono arrivati a denunciare tre persone, tra medici che l’avevano operata e infermieri di una clinica di Sesto San Giovanni.

Nei giorni scorsi la Procura di Monza ha formulato in aula le richieste di condanna, che vanno dai nove mesi ai quattro anni e mezzo di reclusione per tre degli 8 indagati (sei medici e due infermieri) a vario titolo per falso e omicidio colposo. Alcuni di loro hanno già patteggiato mentre una dottoressa è già stata assolta. Stando al Pm Vincenzo Fiorillo, che ha coordinato le indagini, a provocare la morte della paziente sarebbe stata una lacerazione all’esofago sfuggita ai medici che, quando ormai era tardi, per evitare problemi avrebbero scelto di falsificare la cartella clinica della 66 enne, con la complicità di alcuni infermieri.

L’operazione era stata eseguita nel maggio 2011, e poi sarebbe degenerata in lacerazione mortale dell’esofago. I dati che avrebbero attestato la gravità delle condizioni della donna, secondo l’accusa, sarebbero stati fatti sparire. La parola passerà alla difesa il prossimo 22 marzo.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi