Quantcast
Monza, quattro passi nel Risorgimento con l'associazione Mazziniana - MBNews
Cultura

Monza, quattro passi nel Risorgimento con l’associazione Mazziniana

Grazie all'iniziativa del sodalizio, da domenica la città vanta un percorso storico - turistico nei luoghi dell'insurrezione contro gli austriaci

monza-musei-civici-mb-600x390

Da Domenica Monza può vantare un percorso turistico risorgimentale. L’associazione Mazzininana, per ricordare la rivolta consumata fra il 18  e il 21 marzo del 1848, ha infatti organizzato un incontro in centro al quale hanno partecipato oltre cinquanta persone, nonostante la pioggia battente e il freddo pungente. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con la Pro Monza e col patrocinio del Comune di Monza.

Il compito di guidare i visitatori attraverso la scoperta dei luoghi risorgimentali di Monza è stato affidato a Ettore Radice. I visitatori hanno potuto compiere questo balzo indietro nel tempo grazie a un opuscolo su cui sono stati riportati i fatti principali di quelle giornate e su cui sono indicati i principali luoghi e monumenti. Un itinerario che “si snoda tra strade e piazze del centro storico, gli eventi più importanti dell’insurrezione di Monza, nel marzo del 1848 e dei giorni concitati della Seconda Guerra d’Indipendenza e l’arrivo a Monza di Vittorio Emanuele II nel giugno del ’49”.

A fare da corredo alla manifestazione, è stata portata anche la bandiera delle Quattro giornate monzesi, un vero e proprio simbolo di quell’epoca oggi conservata nei Musei Civici. Le Quattro giornate di Monza iniziarono sabato 18 marzo quando a Monza piombò la notizia che a Milano era scattata l’insurrezione contro le truppe austriache. Anche nel 1848 pioveva e Monza divenne nel giro di poche ore un punto di raccolta di tutti i volontari che volevano recarsi a Milano.

Il 23 un manifesto comparve sul muri della città: “Cittadini! anche noi abbiamo sgomberato la nostra città dal nemico straniero. Gratitudine a voi e ai prodi lecchesi e brianzoli che qui vennero a dare prova e ad essere testimoni di cittadino valore”.