19 Giugno 2021 Segnala una notizia
Lesmo, parchetto di Peregallo e ciclabile fra degrado e opere incompiute

Lesmo, parchetto di Peregallo e ciclabile fra degrado e opere incompiute

2 Marzo 2018

Degrado, vandalismo ed opere non compiute: ecco la sconcertante situazione a Lesmo nel parchetto di Peregallo e lungo la pista ciclo-pedonale di Via G. Ratti. A portare sotto i riflettori la situazione l’ormai neo eletto, con 2.633 voti in Brianza, consigliere regionale Alessandro Corbetta (Lega). 

Il parchetto di Peregallo

Il parchetto sito in Via della Sorgente ed inaugurato una decina di anni fa prevedeva, nel progetto originale, una struttura commerciale affiancata ad un parco giochi per i bambini della zona. Ad oggi la situazione di incuria e degrado è sotto gli occhi di tutti.

“Intollerabile nel cuore della Brianza un parco creato per la cittadinanza sia diventato tra i posti più insicuri e degradati della Provincia, sporcizia, vetrate rotte, edificio commerciale incompleto, tombini scoperchiati a due passi dai giochi per i bambini sono una situazione estremamente grave e pericolosa alla quale l’amministrazione comunale, guidata dalla sinistra, non può continuare a disinteressarsi. Il mio impegno –  continua Corbetta – sarà quello di avviare in Regione Lombardia una mappatura di tutte le aree abbandonate sul territorio di Monza e Brianza e cercare con un fondo regionale di promuoverne, congiuntamente con i sindaci dei territori, la riqualificazione e monitorare le aree degradate per riconsegnarle alle famiglie e ai ragazzi sottraendole alla microcriminalità”.

La ciclo-pedonale

Per la situazione della ciclo-pedonale che collega Lesmo a Camparada, realizzata dopo dieci anni di attesa, fa il punto Roberto Cancedda, presidente di 2Nove9 Bikers Care, Associazione Vittime incidenti: “ringraziamo il Comune per il progetto e la sua parziale realizzazione nell’ottica di una mobilità eco-sostenibile, il problema sollevato dagli utenti riguarda però la sicurezza di questo tratto che, ad oggi, risulta non completato e non correttamente manutenuto. Alcuni dei tubi in pvc che dovrebbero contenere i pali dell’illuminazione, sono rotti esponendo i passanti, sportivi e bambini, a seri pericoli per la propria incolumità e non è presente alcun sistema di segnalazione degli attraversamenti pedonali.  Tra questi attraversamenti, uno è stato addirittura realizzato nelle vicinanze della curva verso Camparada subito dopo lo svincolo per Arcore con evidenti problematiche”.

L’opinione del sindaco

La replica del sindaco di Lesmo Roberto Antonioli non si è fatta attendere: “evitando le polemiche lodo assolutamente l’impegno dei giovani padani e l’attenzione al territorio sperando questo impegno non sia solo sterile campagna elettorale ma si protragga anche oltre il 4 marzo. La responsabilità dello stato di degrado attuale dell’area è dovuta al il mancato completamento dell’area. Oltre al controllo dell’amministrazione l’unica soluzione che possa continuare nel tempo è quella di rendere frequentabile questa zona ed allontanarne quindi il degrado e la delinquenza. Ricordo, inoltre, il progetto è stato voluto dalla amministrazione precedente guidata da Lega e Forza Italia. In passato una associazione di tiro con l’arco si era proposta di costruire un percorso all’interno del parchetto ma l’ufficio tecnico del comune non ha dato l’ok per problemi di sicurezza. Sollecitiamo quindi la cittadinanza a farsi avanti e proporre idee per riqualificare l’area. Per quanto riguarda la pista ciclo-pedonale di Via G. Ratti – ha continuato il primo cittadino – avendo già finanziato il completamento dell’opera, assicuriamo sarà ultimata entro il 2019 come da promessa elettorale”.

Scritto da Paola Patrizia Riva

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Articoli più letti di oggi