22 Giugno 2021 Segnala una notizia
La Festa delle Donne dà i numeri: pubblicato lo studio statistico del Comune di Monza

La Festa delle Donne dà i numeri: pubblicato lo studio statistico del Comune di Monza

8 Marzo 2018

Mimose e dati statistici. La ricorrenza del’8 Marzo ha spinto l’ufficio Statistica del Comune di Monza ha pubblicare un nuovo studio sull’altra metà del cielo che vive all’ombra del Duomo: numeri, percentuali, spigolature che dimostrano come il ruolo occupato dalle donne nella società sia sempre più centrale, a partire dal fatto che le donne con laurea o diploma sono in costante aumento.

I DATI

Per quanto riguarda il titolo di studio i dati del censimento ci dicono che: il 17,9% è in possesso di laurea, il 32,6% il diploma superiore, il 24,3% la licenza media inferiore, il 18,8% la licenza elementare ed il 6% solo alfabete, 0,5% (301) analfabete. Quindi, si registra dal 2001 un incremento consistente del 47,3% di donne laureate, e un 8,8% in più di donne diplomate.

A destare altrettanto interesse è il ruolo di capofamiglia, che già nel nome racchiude un ruolo prettamente maschile. Tuttavia, i dati elaborato dall’amministrazione dicono anche altro. In particolare, che le famiglie con capofamiglia donna sono 21.548 pari al 38,2% del totale delle famiglie che sono 56.326. E’ proprio il caso di dire che i pantaloni in casa li portano loro.

Venendo invece a un dato globale, al 1 gennaio 2018 la popolazione di Monza è composta in tutto da 123.598 persone (dato non ancora definitivo perché soggetto a revisione Istat), quella femminile di 64.314 corrispondenti al 52% del totale della popolazione.

Lo stato civile della popolazione femminile di Monza vede il 32,1% nubile, il 43,2% coniugate, il 3,8% divorziate e il 11,6% vedove. L’età media delle donne residenti è di 47,4 anni, mentre è di 49,2 anni se consideriamo solo le residenti italiane.

Le donne straniere invece sono concentrate come età, tra i 20 e i 49 anni (età lavorativa) con ben il 57% delle residenti, ma abbiamo anche un 17,4% tra i 14 e 0 anni, dovuto al buon incremento delle nascite di bambine straniere verificatosi negli ultimi anni.

Le nazionalità più presenti sono le rumene con 1.221 residenti, seguite dalle ucraine con 667 residenti, dalle peruviane con 616 e dalle ecuadoriane con 598.

Per quanto riguarda le professioni, in questo caso consideriamo solo le donne maggiorenni provenienti da Paesi a forte pressione migratoria (PFPM): le collaboratrici familiari sono il 19,3%, le casalinghe sono il 27,7%, le badanti il 12,3%, le operaie il 6,8%.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi