Attualità

Dietro al sito “Ricorso multa Milano”, la Finanza scova un’evasione di 2 milioni di euro

La guardia di Finanza ha acceratto un evasione per 250 mila euro e guadagli per oltre 2 milioni non dichiarati.

guardia di finanza -270318-a-mb

Un imprenditore brianzolo é stato denunciato dalla Guardia di Finanza di Seregno per  omessa dichiarazione dei redditi e occultamento delle scritture contabili. Gestiva senza pagare le tasse la sua società di ricorsi contro le multe per infrazioni stradali con sede a San Marino dalla Brianza, dopo aver gestito lo stesso raggiro con una società italiana, evasore totale.

In totale avrebbe evaso 250 mila euro di Iva e non dichiarato guadagni per 2 milioni di euro, calcolati su circa 18 mila casi trattati dall’imprenditore, per i quali avrebbe chiesto il pagamento anticipato di circa il 30 % della sanzione arrivata ai suoi clienti.

A mettere i finanzieri sulle tracce dell’uomo, sarebbero state verifiche fiscali su società con sede a San Marino. A casa sua, nel seregnese, i militari hanno scoperto di fatto la reale base operativa della società sammarinese. Lì venivano gestiti tutti i ricorsi alle sanzioni per infrazioni stradali dei clienti, con tanto di staff di operatori, contattabili dai clienti attraverso un “servizio clienti” o un servizio fax o attraverso  il sito internet www.ricorsomultamilano.it, chiuso nel gennaio scorso. Una volta acquistato il “pacchetto di “ricorso”, trasmettendo via mail il verbale al codice della strada ricevuto e pagato in anticipo l’intero prezzo della consulenza, il cliente riceveva quindi bozza del ricorso da presentare alle agli uffici di riferimento per ottenere l’annullamento delle multe.

A casa dell’imprenditore la Finanza ha anche recuperato documentazione contabile ed extra-contabile, relativa ad una seconda società riconducibile al medesimo imprenditore, per la quale sarebbe risultato evasore totale. Attraverso questa prima società e con tre collaboratori in nero, l’indagato avrebbe portato inizialmente avanti il suo raggiro, per poi proseguire con quella sammarinese.