17 agosto 2018 Segnala una notizia
Senzatetto muore nell'ex area Snia di Varedo. Si scatena la polemica

Senzatetto muore nell’ex area Snia di Varedo. Si scatena la polemica

14 febbraio 2018

È accaduto nel pomeriggio di ieri, martedì 13 febbraio, ore 17. Un uomo di circa 60 anni è stato trovato morto nei pressi dell’area Snia di Varedo. Un senzatetto, che nell’area industriale abbandonata trovava ricetto. Ad intervenire sul posto, in codice rosso, la croce bianca di Cesano Maderno ed un’auto medica. Sul luogo anche i carabinieri di Desio.

La morte dell’uomo, secondo i primi accertamenti, sembra sia da imputare ad uno stato di salute già compromesso. Il freddo e le pessime condizioni igieniche, hanno fatto il resto.

Un caso umano, da cui scoppia la polemica. Un botta e risposta tra opposizione e maggioranza. Una questione politica, quando, invece dovrebbe trattarsi di una questione sociale.”È morto perché invisibile”. Dichiara Stefano Zini, consigliere d’opposizione del PD a Varedo, che in tono perentorio continua la sua filippica. “È assurdo – asserisce – che nel 2018 accada ancora qualcosa di simile. Bisogna fare qualcosa, è un problema di tutta la comunità”.

Ad intervenire è poi il primo cittadino Filippo Vergani (centro Destra). “Un caso, l’ennesimo, a cui non possiamo né vogliamo rimanere indifferenti”.

“L’ennesimo caso -controbatte Zini – dove l’indifferenza fa un morto. Tante aree abbandonate. Nessuna azione preventiva concreta”. Politica? Demagogia? No, realtà. Dall’ex palazzo del mobile di Desio all’ex area Snia di Varedo, la situazione non cambia. Deterioramento. Abbandono. Tragiche situazioni.

“Il nostro partito – sostiene il consigliere d’opposizione PD – ha, nel proprio programma portato avanti da Giorgio Gori, l’intenzione concreta di curare queste aree abbandonate ristabilendo così, sicurezza e legalità“.

“Non si venga a parlare di sicurezze e legalità, come se noi avessimo mancato di gestirla”. Controbatte  il primo cittadino.  “L’attuale amministrazione – sottolinea – ha già costruito un muro in via Madonna, per evitare l’accesso all’interno della Snia e accresciuto il numero del personale della polizia locale“. Tre nuovi inserimenti, de facto. 2 dei quali nel corso degli scorsi mesi. Un ultimo, stando a ciò che dichiara Vergani, “entro breve tempo”.

Maggior presidio, maggior sicurezza avvertita insomma. Ma il problema, quello sociale, persiste. Abbandono e degrado, mietono le loro vittime. “La nostra amministrazione – dichiara Vergani – si sta dando da fare nel concreto e lo ha dimostrato portando avanti la trattativa con Predium, la società spagnola che si è aggiudicata all’asta  160 mila metri cubi dell’area Snia“. Se la cosa andrà in porto – bisogna ancora aspettare ancora 60 giorni  entro i quali la società deve saldare l’importo d’asta – la zona interessata vedrà un graduale sviluppo economico e sociale. “Fino ad allora, per quanto impegno ci mettiamo – conclude il sindaco Vergani – non possiamo arginare il mare”.

“Non sono d’accordo – controbatte Zini – la Snia non può restare una zona franca dove accadono queste cose sotto l’indifferenza di tutti. Arginare il mare si può. Sviluppando, in primis, delle adeguate politiche sociali, che tutelino i più bisognosi”.

Un caso di cronaca. Un dibattito politico. Opinioni contrastanti, che comunque, al momento, non portano ad una soluzione immediata del problema.

Massimo Chisari

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Aggredisce la moglie e le strappa il figlio neonato: paura in via Marsala

Nonostante l'arrivo della Polizia, l'uomo non voleva saperne di lasciare il bambino: solo dopo diversi tentativi si è arreso, liberandolo. Denunciato per maltrattamenti in famiglia

Pedemontana, migliaia di solleciti in arrivo per il mancato pagamento del pedaggio

L'associazione Hq Monza segnala le incongruenze di un sistema interamente on line che non facilita il saldo da parte dei pendolari

Seregno. Il sindaco Rossi abbellisce le scuole e dà lavoro a due imbianchini

Il progetto prevedeva l'imbiancatura delle sale comunali. Il sindaco ha deciso di partire però dalle scuole dando al Comune anche un importante ruolo sociale

Ospedali lontani e depotenziati? Le ASST di Monza e Vimercate replicano ai sindaci

Mentre i primi cittadini brianzoli segnalano disagi per i pazienti cronici e fragili, le direzioni sanitarie controbattono: "Messe in campo forze per migliorare l’assistenza ai cittadini"

Milano non basta, anche Monza e Brianza vuole il Gay Pride

Il gruppo ha un duplice obiettivo: organizzare una festa dei diritti per il 2019 e costruire una Brianza che possa essere più attenta alle differenze.