17 ottobre 2018 Segnala una notizia
Senzatetto muore nell'ex area Snia di Varedo. Si scatena la polemica

Senzatetto muore nell’ex area Snia di Varedo. Si scatena la polemica

14 febbraio 2018

È accaduto nel pomeriggio di ieri, martedì 13 febbraio, ore 17. Un uomo di circa 60 anni è stato trovato morto nei pressi dell’area Snia di Varedo. Un senzatetto, che nell’area industriale abbandonata trovava ricetto. Ad intervenire sul posto, in codice rosso, la croce bianca di Cesano Maderno ed un’auto medica. Sul luogo anche i carabinieri di Desio.

La morte dell’uomo, secondo i primi accertamenti, sembra sia da imputare ad uno stato di salute già compromesso. Il freddo e le pessime condizioni igieniche, hanno fatto il resto.

Un caso umano, da cui scoppia la polemica. Un botta e risposta tra opposizione e maggioranza. Una questione politica, quando, invece dovrebbe trattarsi di una questione sociale.”È morto perché invisibile”. Dichiara Stefano Zini, consigliere d’opposizione del PD a Varedo, che in tono perentorio continua la sua filippica. “È assurdo – asserisce – che nel 2018 accada ancora qualcosa di simile. Bisogna fare qualcosa, è un problema di tutta la comunità”.

Ad intervenire è poi il primo cittadino Filippo Vergani (centro Destra). “Un caso, l’ennesimo, a cui non possiamo né vogliamo rimanere indifferenti”.

“L’ennesimo caso -controbatte Zini – dove l’indifferenza fa un morto. Tante aree abbandonate. Nessuna azione preventiva concreta”. Politica? Demagogia? No, realtà. Dall’ex palazzo del mobile di Desio all’ex area Snia di Varedo, la situazione non cambia. Deterioramento. Abbandono. Tragiche situazioni.

“Il nostro partito – sostiene il consigliere d’opposizione PD – ha, nel proprio programma portato avanti da Giorgio Gori, l’intenzione concreta di curare queste aree abbandonate ristabilendo così, sicurezza e legalità“.

“Non si venga a parlare di sicurezze e legalità, come se noi avessimo mancato di gestirla”. Controbatte  il primo cittadino.  “L’attuale amministrazione – sottolinea – ha già costruito un muro in via Madonna, per evitare l’accesso all’interno della Snia e accresciuto il numero del personale della polizia locale“. Tre nuovi inserimenti, de facto. 2 dei quali nel corso degli scorsi mesi. Un ultimo, stando a ciò che dichiara Vergani, “entro breve tempo”.

Maggior presidio, maggior sicurezza avvertita insomma. Ma il problema, quello sociale, persiste. Abbandono e degrado, mietono le loro vittime. “La nostra amministrazione – dichiara Vergani – si sta dando da fare nel concreto e lo ha dimostrato portando avanti la trattativa con Predium, la società spagnola che si è aggiudicata all’asta  160 mila metri cubi dell’area Snia“. Se la cosa andrà in porto – bisogna ancora aspettare ancora 60 giorni  entro i quali la società deve saldare l’importo d’asta – la zona interessata vedrà un graduale sviluppo economico e sociale. “Fino ad allora, per quanto impegno ci mettiamo – conclude il sindaco Vergani – non possiamo arginare il mare”.

“Non sono d’accordo – controbatte Zini – la Snia non può restare una zona franca dove accadono queste cose sotto l’indifferenza di tutti. Arginare il mare si può. Sviluppando, in primis, delle adeguate politiche sociali, che tutelino i più bisognosi”.

Un caso di cronaca. Un dibattito politico. Opinioni contrastanti, che comunque, al momento, non portano ad una soluzione immediata del problema.

Massimo Chisari

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Massimo Chisari
Milanese di nascita, brianzolo d'adozione. Guardo il mondo attraverso la mia macchina fotografica. Osservo. Cerco. E tramite le parole, racconto. Amo il giornalismo, quello sincero perché scrivere significa smettere di respirare per raccontare con il cuore. Ho due grandi passioni. L'arte e la letteratura, quella russa soprattutto. Ma ho un unico grande amore, anzi due. I miei due cani, Hubert e Brunhilde.


Articoli più letti di oggi

Monza e la Brianza al sicuro dalle alluvioni: ecco La Diga delle Fornaci

Il nastro della nuova Diga a Inverigo (Co) è stato ufficialmente tagliato: la nuova opera idraulico proteggerà la Valle del Lambro dalle alluvioni

Isola ecologica Vimercate: i volontari non ci stanno e rispondono all’assessore

Dopo le parole dell'assessore all'Ambiente Bertinelli sull'operato dei volontari dell'isola ecologica di Vimercate, è arrivata la replica del responsabile di UNITALSI.

Discarica abusiva nascosta in un capannone: brianzolo nei guai

I militari hanno scoperto a Cornaredo una montagna di rifiuti, 1200 metri cubi, stoccati all’interno di uno stabilimento industriale e smaltiti in maniera del tutto illegale

Monza, venduto all’asta il palazzo ex Inam di via Giuliani

L'amministrazione comunale ha ricevuto una sola offerta per lo stabile acquistato circa dieci anni fa per oltre cinque milioni. Il prezzo d' acquisto è di 3,9 milioni di euro.

Monza, crolla tetto di un’aula all’università. L’ira degli studenti

Nessun ferito, ma solo per puro caso. Grande spavento per gli studenti.