20 ottobre 2018 Segnala una notizia
Politica monzese in lutto, il saluto in Consiglio all'ex sindaco Dario Chiarino

Politica monzese in lutto, il saluto in Consiglio all’ex sindaco Dario Chiarino

13 febbraio 2018

Un minuto di silenzio in aula per ricordare il fondatore del partito Repubblicano a Monza e ex sindaco di Monza, Dario Chiarino, scomparso nella giornata di sabato, 10 febbraio. Il consiglio comunale cittadino si stringe con affetto al dolore della famiglia, in particolare al figlio Camillo (firma del giornalismo monzese e di MBNews) per la dolorosa perdita.

Tante, tantissime, le dichiarazioni commosse da parte di chi, il dottor Chiarino, lo conosceva bene. “Sincero democratico, amava il suo lavoro. Dirigente di una casa farmaceutica, come ricercatore scientifico ha ottenuto risultati eccezionali depositando decine di brevetti in diversi paesi. Amava la sua terra natia, ricordo come me ne parlava. Amava la sua Monza di cui è stato il primo sindaco non democristiano dal dopoguerra, in carica dal 1975 al 1978, e poi consigliere comunale fino al 1988. Amava San Fruttuoso, dove abitava, e dove ha messo a disposizione la sua grande esperienza. Ho avuto l’onore di conoscerlo: uomo di rara intelligenza e garbo, serietà e saggezza senza pari. Rimarrà sempre un esempio civico per tutti noi” con questa parole il presidente del consiglio, Filippo Carati, ha aperto la seduta dell’assise cittadina.

Un uomo di grande spessore: così lo ha voluto ricordare il gruppo di Forza Italia. Si è associato alle condoglianze anche il Movimento 5 stelle. “Ottimo sindaco e stimato professionista, ho avuto modo di conoscerlo e apprezzarne le qualità negli anni ’90 quando ero segretario cittadino della Lega. Era una persona di grande acume e intelligenza, sempre garbato. La mia vicinanza alla famiglia e in modo particolare al figlio, Camillo, che conosco da molti anni fin dai tempi delle scuole medie Confalonieri” ha aggiunto ai microfoni Cesare Gariboldi, consigliere comunale della Lega.

Un sindaco che ha svolto il suo compito con estrema serietà, competenza e abnegazione, in un periodo particolarmente complicato e difficile. Ha fatto sempre l’interesse della nostra città che lui ha amato tanto. Ha operato in un partito che ha saputo fare della laicità del nostro Stato un punto forte, e ha saputo anche coniugare l’equità sociale” ha commentato Roberto Scanagatti, ex sindaco di Monza.

Dario Chiarino era nato a Borgosesia nel 1931, sposato nel maggio 1961 con Anna Ronchi, con tre figli: Riccardo, Silvia, Camillo. Nel ’67 aveva preso residenza a Monza. Laureato in chimica, ha esercitato dal maggio 1959 al settembre 1990 la professione di ricercatore scientifico, dapprima presso un piccolo laboratorio farmaceutico e quindi presso la Zambon Group, un’azienda farmaceutica italiana di dimensione multinazionale, arrivando alla direzione del suo centro ricerche nella sede nazionale di Bresso.

E’ stato Sindaco di Monza dal 1975 al 1978 e quindi consigliere comunale di Monza fino al 1988. Dario Chiarino, classe 1931, si è spento nella sua Monza sabato notte e oggi pomeriggi si sono svolti i funerali e la cremazione. Le sue ceneri riposeranno nel cimitero di San Fruttuoso.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi

Monza e Brianza che fare questo weekend? Ecco gli eventi scelti per Voi!

Feste, spettacoli, mostre... ecco la nostra selezione di eventi!

Olivettando, il ristorante didattico di Monza, riapre con Pizzaut

Riapre Olivettando, il ristorante didattico di Monza, con la partecipazione di Pizzaut, un progetto speciale che si pone lobiettivo di aprire una pizzeria gestita da ragazzi autistici.

Cornate d’Adda, i ponti chiusi pesano su pendolari ed economia locale

Il Comune, a metà strada tra i ponti di Paderno e Trezzo, è stretto nella morsa di un traffico che sarà sempre più alla ricerca di alternative. Il sindaco: "La vera criticità riguarda i pendolari"

Commercio al dettaglio, Monza con il freno tirato nella prima metà del 2018

Da gennaio a giugno hanno chiuso 50 attività. A soffrire, secondo la Camera di Commercio, sono soprattutto l'abbigliamento e le calzature. Segnali migliori invece arrivano dal settore artigiano.

Brugherio: a ottobre la Festa della Polpetta con specialità per tutti i gusti

Calde o fredde, dolci o salate, ripiene o al sugo, nel panino o con la pasta... tantissime le specialità che si potranno trovare.