18 Giugno 2021 Segnala una notizia
Madre e figlia trovate cadavere: attesi autopsie e interrogatorio di Paolo Villa

Madre e figlia trovate cadavere: attesi autopsie e interrogatorio di Paolo Villa

12 Febbraio 2018

Sarà un’autopsia collegiale, ovvero eseguita da più esperti, quella sul corpo di Amalia Villa, 85 anni e sua figlia Mariella Ronco, 52, trovate cadaveri in avanzato stato di decomposizione nella loro abitazione di Ornago, nel tardo pomeriggio di sabato.

L’esame autoptico approfondito, con la partecipazione di più esperti, sarebbe necessario per risalire alle cause della morte delle due donne, al momento difficili da individuare a causa delle condizioni dei cadaveri, e potrebbe essere fissato nelle prossime ore. Il fermo per indiziato delitto di Paolo Villa, 75 anni, in carcere a Monza da ieri sera, è in attesa di essere convalidato dal gip di Monza. Il 75enne si è sentito male al bar sabato pomeriggio, a una ventina di metri dall’abitazione che divideva con le vittime, dopo aver bevuto alcol, come pare negli ultimi tempi facesse spesso.

Le indagini sono ancora in corso per accertare la dinamica e il movente del duplice delitto. Al momento nessuna arma è stata trovata in casa. Gli accertamenti degli specialisti dei carabinieri si sono concentrati per ore vicino ad un calorifero dell’abitazione, accanto al quale sono state trovate tracce di sangue, poi ripulite.

Sono stati trovati in lavatrice, ancora sporchi, i vestiti, maschili e femminili, usati per ripulire l’appartamento di Ornago dal sangue. Nel parlare delle due donne, non avrebbe tradito nulla, riferendosi a loro come ancora vive. Le indagini,coordinate dal pm di Monza Emma Gambardella, proseguono per risalire al movente e all’arma utilizzata. L’autopsia sul corpo delle due donne non è ancora stata fissata, così come l’interrogatorio del 75enne. Gli abiti sporchi di sangue sono stati sequestrati insieme ad una scopa, forse usata per ripulire l’appartamento. Sigilli anche all’appartamento.

“Stentiamo tutti a credere quanto successo. Io ho incontrato Paolo nei giorni scorsi e mi sembrava assolutamente normale”, ha detto un vicino di casa. Villa, secondo i racconti di chi abita in zona, da un po’ di tempo era trasandato, mentre sua sorella e la figlia non uscivano di casa da tempo, tranne che per fare la spesa. Ancora sconosciuti il movente e le modalità con cui le due donne sarebbero state uccise, almeno una settimana fa, se non prima.
Per tutto questo tempo Villa ha continuato a vivere in casa sua insieme ai loro cadaveri.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi