Politica

Elezioni 2018, Liberi e Uguali presenta il team: nuove leve ed esperti insieme

Tra i temi caldi del programma elettorale: lavoro, sanità, legalità e ambiente.

foto gruppo candidati liberi e uguali

A un mese dalla competizione elettorale del 4 marzo, la squadra di Liberi e Uguali si presenta alla città di Monza. La lista guidata da Pietro Grasso, presidente del Senato, vede tra i candidati di punta Lucrezia Ricchiuti di Desio, parlamentare uscente, e Giulio Cavalli, attore, scrittore e giornalista.

Tra i temi caldi del programma elettorale: lavoro, sanità, legalità e ambiente. Questioni di valenza nazionale e locale affrontate utilizzando la lente dei diritti: lotta alla precarizzazione e alla privatizzazione; alla criminalità organizzata e al consumo di suolo.

Della squadra sono molti i nomi alla prima candidatura che si affiancano a candidati più esperti con alle spalle esperienze a livello comunale, provinciale e nazionale. In particolare, Lucrezia Ricchiuti ha spiegato che intende proseguire il lavoro iniziato nella legislatura precedente in commissione parlamentare antimafia. “Anche per questo – ha commentato – ho accolto con grande entusiasmo la leadership di Pietro Grasso, già magistrato e procuratore nazionale antimafia, a capo della lista di Liberi e Uguali”.

Giuseppe Civati, leader di LeU, ha ricordato riferendosi agli ultimi fatti di cronaca del maceratese che “per quanto aspra possa essere la battaglia politica mai devono essere giustificati giudizi o atti irrispettosi dell’altro”. Ha auspicato inoltre “che tutti i candidati di Liberi e Uguali siano allineati nel mantenere alto il livello del dibattito politico”.

Per la Camera i candidati sono: Michela Vaccaro (collegio uninominale Seregno) insegnante e dirigente scolastico, ha ricoperto diversi incarichi pubblici; Alessandro Gerosa (collegio uninominale Monza), ricercatore universitario in Sociologia, è stato Consigliere comunale a Monza per Sel; Antonio Lentini (collegio uninominale Gorgonzola e Melzo), operaio; Laura Boldrini (collegio plurinominale Monza e Brianza e uninominale Milano); Giulio Cavalli (collegio plurinominale Monza e Brianza) scrittore, giornalista e autore teatrale, allievo del Maestro Dario Fo; Massimo Badalucco (collegio plurinominale Monza e Brianza), laureato in Fisica, lavora nel settore delle telecomunicazioni, come Project manager in un centro di Ricerca e Sviluppo; Giulia Raso (collegio plurinominale Bollate), laureata in psicologia clinica.

La mia candidatura vuole dare voce alle migliaia di giovani, e non, che vivono la precarietà lavorativa, abitativa, esistenziale sulla propria pelle. Prendiamoci il futuro: senza precarietà, con un lavoro stabile e dignitoso, con una casa vera dove vivere.” ha commentato Alessandro Gerosa.

Per il Senato: Lucrezia Ricchiuti (collegio uninominale e plurinominale Monza e Brianza), Senatrice uscente, capogruppo di LeU in commissione Bilancio e in commissione d’Inchiesta sulla mafia; Federica Villa (collegio plurinominale Monza e Brianza), giornalista e Asa (ausiliaria-socio-assistenziale); “Vorrei impegnare meno risorse per spese militari e bonus a pioggia e molte di più per investimenti produttivi che creino posti di lavoro stabili e a favore della ricerca e dell’innovazione.” ha aggiunto Ricchiuti.

Candidati al Pirellone: Giorgio Garofalo, lista provinciale, presidente del Consiglio comunale di Seveso e coordinatore di Brianza SiCura contro le mafie; Giovanna Amodio, lista provinciale, impiegata di banca, consigliera della provincia Monza e Brianza; Luca Monguzzi, lista provinciale, geometra, Lavori Pubblici Comune di Monza, delegato e membro Comitato direttivo CGIL FP Monza e Brianza, responsabile settore Atletica della U.S.A. Casati Arcore, tesserato ANPI da sempre; Federica Trevisanello, lista provinciale, formatrice e pedagogista; Daniele Ratti, lista provinciale; Elena Villa, lista provinciale, strutturista in una società di ingegneria a Milano; Alberto Colombo, lista provinciale, operatore del terzo settore; Rita Caldarelli Stefano, lista provinciale, mamma, patologo clinico.