19 Giugno 2019 Segnala una notizia
Le trottole brianzole e la rivincita della cultura artigiana

Le trottole brianzole e la rivincita della cultura artigiana

18 Febbraio 2018

Nella Brianza del 2018 esiste un piccolo mondo, fatto di trucioli, fantasia, di torni e di legno.

È la casa di Giovanni, Andrea e Simone, consumati da un tarlo originale quanto magico: quello della cultura artigiana. Rispettivamente tornitore (e allenatore di calcio), ex ceramista – architetto ed esperto di comunicazione, i tre stanno lavorando a qualcosa di grande, che occupa i loro sogni anche di notte. Sono, infatti, il cuore dell’associazione culturale artigiana “il Tarlo”, che da sei anni, in silenzio, incide, scalfisce e tempra i cuori di chi, per caso, ci si imbatte, conoscendoli. I loro occhi sono contagiosi, la loro passione inarrestabile – come la velocità delle trottole che costruiscono. Come il coraggio con cui questa cultura artigiana, in un momento di crisi per l’hand made, e la predilezione per il prodotto industriale, sta per loro diventando un lavoro.

Formata da oltre 22 soci – che collaborano nelle maniere più diverse al funzionamento dell’associazione –  “il Tarlo” ha un credo: il gioco come strumento di insegnamento, di coesione sociale, intergenerazionale e interculturale, perché rompe le barriere, incuriosisce, mette i nonni a fianco dei nipotini, i papà per mano ai propri figli. “E’ pazzesco, quando andiamo in giro per fiere, nelle piazze e montiamo la nostra pista delle trottole – lunga oltre 16 metri – e ci si avvicinano le persone.. inizialmente un po’ scettiche, imbarazzate, timorose. Gli adulti, spesso, sono portati dai bambini che toccano tutto e subito si lanciano.. ma poi sono proprio i grandi che faticano ad andare via.” racconta Giovanni.

E oggi, tra i tanti progetti hanno anche una grossa novità all’orizzonte. Grazie alla collaborazione con la cooperativa Aeris, il 3 marzo inaugureranno a Usmate Velate presso lo spazio polifunzione di via Milano il loro laboratorio di falegnameria. “Qui” – raccontano –  “creeremo diverse occasioni aperte alla cittadinanza, per sperimentare, imparare e inventare giochi ma allo stesso tempo saremo al centro di progetti di formazione di più lunga durata con gli ospiti della cooperativa. Da una semplice trottola, dalla pittura e dal tornio può nascere un’occasione di formazione e di riscatto, per molti.”

Ma essere Tarli vuol dire anche: tournee nazionale, animazioni popolari e il Campionato Mondiale di trottole!

  

Infatti i Tarli non si fermano solo in Brianza, dove sono più operativi; lo scorso anno sono partiti a bordo del loro furgoncino Gigi: meta? Le piazze italiane, invitati a fiere, festival, feste, persino a matrimoni. È qui che sperimentano davvero il potere aggregante dei giochi antichi che creano; conoscono persone, storie, tradizioni artigiane quasi scomparse; ma soprattutto fanno giocare, divertendosi senza un pizzico di elettricità.

E poi ci sono loro, le trottole. Che con la famosa pista dei campionati – lunga più di 16 metri –  sono un vero e proprio cavallo di battaglia. Le trottole, sono davvero il tarlo dei Tarli: le hanno chiamate con i nomi dei pianeti perché credono che “ognuno di noi sia una trottola, frammento roteante più o meno inconsapevole tra miliardi di corpi celesti; parte di un gioco misteriosamente ordinato da leggi fisiche. Che magia è la trottola!” C’è Mercurio, che è la più piccola trottola al mondo, e Luna, che si ribalta. E poi ancora Nettuno, Cometa, Pegaso, Sirio.. Hanno forme e grandezze diverse, colori a volte anche brillantini, sono tutte rigorosamente fatte a mano. A volte si rifanno modelli tradizionali, altre nascono dalla creatività dei Tarli.

Andrea racconta che quando fa  viaggi all’estero, porta sempre qualche trottola con sé, una sorta di biglietto da vistita: “Ho provato a scambiarle nei villaggi più sperduti del sud America così come in centro Italia.. perché la trottola sembra scomparsa, ma vive e soprattutto parla una sola lingua.”

Partito come hobby segreto, cresciuto con le animazioni di piazza, con le trottole, con i progetti nelle scuole primarie, come ponte tra grandi e piccini,ora ha uno shop online e tra poco anche una sede.


Un progetto a t
utto tondo, insomma, pian piano sempre più capace di autofinanziarsi e mantenersi. Che s’ingrandisce e alimenta ogni giorno che passa con nuove collaborazioni, nuove idee, nate dal semplice guardare con occhi curiosi le mille e più possibilità che si nascondono nel legno. Sempre in cerca di nuovi spunti, collaborazioni esterne e giovani entusiasti innamorati del “fare a mano”. Se il tarlo c’è.. è difficile fermarlo!

Un piccolo orgoglio artigianale brianzolo, quello di Giovanni, Andrea e gli altri Tarli, che dimosra come ancora nel 2018 si possa vivere con successo delle proprie passioni e che il divertimento, infondo sia la chiave per abbattere tutte le barriere.

Per conoscere tutti i progetti de “il Tarlo” o acquistare le loro trottole, seguiteli sulla loro pagina Facebook o curiosate sul loro sito

 

 

 

 

 

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Francesca Fornaciari
Intrappolatrice di storie, scrivo racconti e scatto fotografie, con quella che mi piace definire mente analogica. Sono perdutamente innamorata degli aeroporti, ma per viaggiare preferisco i treni. Laureata in filologia italiana, impegnata nel volontariato da sempre, amo i libri, il cinema e l'arte contemporanea.


Articoli più letti di oggi

Sesso in cambio di denaro: prete ricattato da tre brianzoli. Arrestati

Un 23enne di Bernareggio, una coetanea di Seregno e un 29enne di Ronco sono accusati di avergli estorto più di 6mila euro

Metro a Monza, l’annuncio del sindaco Allevi “Entro luglio a Roma per la firma”

Il borgomastro non ha dubbi: "Siamo molto vicino a chiudere. Per scongiurare ogni imprevisto ci siamo dati una deadline per la firma a Roma, ovvero entro il mese di luglio".

Monza, un residente: “Basta spaccio al ‘Parco 80’, situazione insostenibile”

Una segnalazione anonima arrivata alla redazione di Mbnews ci descrive una situazione che sta degenerando nella piazza di Parco 80 a causa del consumo di droghe leggere.

Parco 80 Monza

Monza, in mille alla “Cena in bianco”. Oltre 15mila persone per la nostra diretta live

Il 29 giugno si terrà la prima edizione della manifestazione a Cinisello Balsamo.

Sopralluogo ATP a Monza: “Struttura super”. Per i campi arriva l’esperto australiano

Una verifica che a Monza, in vista del progetto dell'Atp 250 'Monza Open 2020', non poteva andare meglio.