15 Dicembre 2019 Segnala una notizia
La Ndrangheta in Brianza: la relazione Antimafia 2017

La Ndrangheta in Brianza: la relazione Antimafia 2017

16 Febbraio 2018

Organizzazioni criminali proiettate al “rinnovamento generazionale“, in grado di modificare e rimodulare nel tempo le proprie strategie, conservando da un lato i tradizionali business mafiosi (come i traffici di droga e le estorsioni) e dall’altro orientandosi con maggiore determinazione verso l’acquisizione fraudolenta di aziende sane e di commesse pubbliche. Questo il cuore della Relazione del Ministro dell’Interno al Parlamento, sull’attività della Direzione Investigativa Antimafia, nel primo semestre 2017.

Il documento offre uno spaccato interessante del modello comportamentale mafioso, indipendente dall’area geografica in cui si esprime, che, con riferimento ai processi di infiltrazione nella pubblica amministrazione, vede nella corruzione l’humus ideale su cui attecchire. La violenza, tipica di certe dinamiche malavitose di cui abbiamo osservato i drammatici esiti nello scorso ventennio, cede il passo alla silente contaminazione del territorio. Da tempo ormai le organizzazioni criminali hanno “agganciato” il mondo delle imprese, con un’operazione strategica che gli ha consentito di intercettare alcune componenti della società civile alle quali non avrebbe avuto altrimenti accesso.

Una rete di contatti divenuta progressivamente vero e proprio “capitale sociale”, insieme alla cosiddetta “area grigia”, composta da fiancheggiatori utili al conseguimento di obiettivi illeciti, che secondo la Dia rende ancora più difficile affrontare l’intreccio tra mafia, corruzione e riciclaggio. Un’analisi questa, che restituisce un approccio fino a qualche anno fa valido per i soli territori di appartenenza delle organizzazioni criminali ma che, oggi, è pienamente valido anche per la Lombardia.

Dai contesti analizzati emerge l’unitarietà della strategia criminale ‘ndranghetista, riproposta efficacemente su qualsiasi proiezione territoriale attraverso le più raffinate metodologie illecite. È la conferma di una vocazione della ‘ndrangheta ad infiltrarsi in attività imprenditoriali sempre più elevate, invero un tempo neanche minimamente accostabili ad una mafia a lungo ritenuta rozza e fortemente limitata.

La prima tipologia di criminalità presa in esame nel lavoro conclusivo della Dia, è l’Ndrangheta. La sua forza, starebbe nella capacità di coniugare il vecchio e il nuovo, come testimoniano gli atti di violenza ed intimidazione comunque perpetrati, anche se solo come extrema ratio e sicuramente successivi alle altre “strategie di persuasione“. La capacità di adattamento delle cosche ai luoghi e ai tempi (e quindi ai contesti socio- economici differenti da quello d’origine), la rende competitiva nei mercati fuori area, dove vanta “autorevolezza e affidabilità” nei contesti illegali, riuscendo peraltro ad espandersi grazie ad una fitta rete collusiva. In Lombardia la ‘Ndrangheta opera con una struttura di riferimento regionale, denominata appunto “la Lombardia”, intesa come una “camera di controllo”, vale a dire un organismo di collegamento con la “casa madre” reggina, funzionalmente sovraordinata alle locali presenti nella zona.

Tra le numerose operazioni portate a termine durante il 2017, la Dia nella sua relazione ricorda una particolare inchiesta per il contrasto all’usura si segnala l’arresto, al termine della quale i militari dell’Arma dei Carabinieri hanno arrestato tre soggetti collegati al clan Galati di Cabiate (Como), rappresentato dagli investigatori quale espressione, in Lombardia, della cosca Mancuso di Limbadi (Vibo Valentia), nonché della locale di Seregno.

Gli ‘ndranghetisti fermati dai carabinieri, avrebbero imposto tasse del 10% mensile ad imprenditori attivi nel settore dei metalli per costruzione e nella distribuzione di carburanti. Sul fronte degli stupefacenti invece, la relazione ricorda alcune importanti operazioni che hanno visto impegnate le tre Forze di polizia: l’indagine “Stammer”, del mese di gennaio, quella denominata “Old story eden”, del mese di aprile, e quella del successivo mese di maggio, denominata “Area 51”. A seguito dell’operazione “Stammer”, la Guardia di Finanza ha sgominato una vasta organizzazione criminale collegata ai Mancuso di Limbadi, che importava cocaina dalla Colombia e che operava su varie regioni, tra cui la Lombardia.

Tra i soggetti colpiti dall’inchiesta anche un esponente della ‘ndrina di Mileto, ritenuta una satellite dei satellite dei Mancuso e gravitante in Brianza e considerato tra i promotori e finanziatori del traffico internazionale. Nell’ambito dell’operazione “Old Story Eden” invece, la Polizia di Stato ha eseguito una misura cautelare disposta a carico di 36 soggetti (29 italiani e 7 cittadini albanesi), che avevano costituito un’organizzazione che importava dall’Olanda ingenti quantitativi di cocaina e marijuana. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno messo in luce come l’attività illecita era prevalentemente svolta a Milano, in alcuni comuni dell’hinterland e della Brianza, in particolare Paderno Dugnano e Cesano Maderno, Seregno e Carate Brianza.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi

Anche “Monza non si lega”. La protesta delle Sardine in Piazza Trento e Trieste

In Piazza circa 500 persone. "Una manifestazione senza partiti, né simboli: solo un grande desiderio di risvegliare le coscienze".

Tragedia a Brugherio: due persone trovate morte in casa

Tragedia a Brugherio nella serata di venerdì 13: due persone sono state trovate prive di vita nella loro abitazione. Indagini in corso. Disposta l'autopsia su entrambi i corpi.

Maxi incidente sul Viale delle Industrie: coinvolte 3 auto, un tir e un furgoncino

Maxi incidente sul Viale delle Industrie all'altezza del cavalcavia di San Rocco. Si è consumato intorno alle 15.00: 3 le auto coinvolte, un tir e un furgoncino. Tre le persone. Intervenuti i soccorsi. Traffico in tilt.

Natale in Brianza: ecco cosa fare tra mercatini ed eventi

La magia del Natale sta per arrivare. Mercatini, decorazioni, giochi di luce, casette in legno e molto altro animeranno tutta la Brianza in uno dei periodi più attesi dell’anno, il Natale.

Desio, apre lo sportello benessere animali: informazioni su norme, aree cani e corsi

Lo Sportello sarà aperto due giorni alla settimana presso il servizio URP.