10 Agosto 2020 Segnala una notizia
Ketty Magni, la scrittrice brianzola che abbraccia gli alberi al Parco di Monza

Ketty Magni, la scrittrice brianzola che abbraccia gli alberi al Parco di Monza

2 Febbraio 2018

Ci sono voluti anni prima che l’autrice desiana di romanzi storici trovasse il coraggio di raccontare della sua passione, o meglio, della sua necessità di abbracciare gli alberi: l’ha fatto davanti a milioni di italiani durante la trasmissione “I soliti ignoti”, quiz show della Rai condotto da Amadeus, di cui Ketty Magni era ospite.

Pratico la silvoterapia al parco di Monza – afferma – abbracciare gli alberi mi fa stare bene, nel corpo e nell’anima e la consiglio a tutti”.

Una rivelazione che ha catturato subito l’attenzione di molti e, ovviamente, anche la nostra e quindi abbiamo cercato di capirne di più attraverso una chiacchierata con la scrittrice che ci confida: “Purtroppo oggi giorno la gente vive la natura in maniera sempre troppo distante. Viviamo in una città infinita, dove la cementificazione sovrasta gli spazi verdi e non siamo più in grado di riconoscere quanto invece alberi e piante possano farci bene, dentro e fuori – racconta – in realtà io la silvoterapia la pratico da quando ero ragazzina anche se, ovviamente, allora non lo sapevo: era più una cosa istintiva. Mi piaceva arrampicarmi sugli alberi, stare in mezzo al verde. Questo istinto si è ripresentato qualche anno fa, in un periodo di forte stress, ho sentito il bisogno di avvicinarmi ad un albero e abbracciarlo: mi sono sentita subito meglio”.

Una pratica che Ketty Magni riesce soprattutto a fare al  Parco di Monza che offre davvero una variegata scelta di alberi da abbracciare, anche se la scrittrice ha le sue preferenze: tigli e cipressi, per il loro profumo intenso. “All’interno del Parco ci sono zone verdi molte curate, vicino alla Villa soprattutto, e altre purtroppo un po’ lasciate andare – dice – però il polmone verde di Monza è un posto che consiglio a tutti per fare silvoterapia perché c’è la giusta tranquillità e intimità. A volte vado anche al parco di Desio, mia città natale, ad abbracciare gli alberi, anche se tempo fa avevo dovuto scrivere al Comune per chiedere più manutenzione”.

Insomma, non è certo una novità che stare all’aria aperta faccia bene ma, forse, non tutti sanno dei reali benefici che si possono ricavare abbracciando un albero: “Bisogna trovare l’albero giusto, non tutti si prestano bene a questa pratica – spiega – le mani devono essere sempre ben appoggiate al fusto e anche il corpo: non è una cosa che si può fare per cinque minuti una volta ogni tanto, ma bisogna avere pazienza e frequenza”.

Ora nel cassetto c’è un sogno nuovo per Ketty Magni: quello di scrivere un libro per raccontare a tutti questa incredibile esperienza.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Melissa Ceccon
Laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Cattolica di Milano. Mamma e moglie. Scrivo sempre e da sempre: nel 2008, il mio primo articolo di cronaca locale. Da allora, non ho più smesso. Sul web racconto anche di libri e di mamme. Nella mia borsa non mancano mai: un romanzo, una penna, un blocco per gli appunti e lo smartphone per catturare immagini e video delle notizie più interessanti.


Articoli più letti di oggi

Lutto nel calcio brianzolo: Pol. Di Nova piange il suo allenatore Gianluca De Martino

Fatale un malore per il neo coach brianzolo. Oltre nel mondo dello sport, De Martino era noto e stimato anche nel campo della ristorazione: era infatti titolare di un ristorante a Carate Brianza. 

Covid, nessun decesso in Lombardia. Due nuovi contagi i Brianza

Nessun decesso, aumentano ‘Guariti e dimessi’ (+72), calano i ricoveri (stabili quelli in terapia intensiva e diminuiscono di 5 quelli in terapia non intensiva).

Intervista al sindaco di Monza, Dario Allevi: “Credo nei monzesi e nella loro grande forza di volontà”

In prima linea durante l'emergenza Covid, il sindaco di Monza Dario Allevi ha raccontato alla nostra redazione le fasi più delicate vissute durante la pandemia.

Brugherio, infortunio sul lavoro: 45enne perde la falange di una mano

Un 45enne, per un infortunio sul lavoro, ha subito l'amputazione della 3° falange dell'indice della mano destra.

Lissone, pacco dono per i nuovi nati: le famiglie ritirano il kit in farmarcia

I kit Pacco dono, già disponibili nelle 4 LloydsFarmacie di Lissone, potranno essere ritirati dalle famiglie previa presentazione della lettera ricevuta da parte del Comune.