22 Febbraio 2019 Segnala una notizia
Finchimica si espande: Iran e Kazakistan i due nuovi obiettivi esteri

Finchimica si espande: Iran e Kazakistan i due nuovi obiettivi esteri

28 Febbraio 2018

Finchimica, la nota azienda che da anni sostiene la leadership nel mercato degli intermedi chimici per le colture e i raccolti agricoli, già da tempo ha deciso di espandersi all’estero: dopo l’Austria, il Sudamerica, gli USA e altri paesi europei, lo stabilimento bresciano facente parte del Gruppo FinAgro SPA punterà anche a Iran e Kazakistan. Lo scopo è chiaramente quello di rafforzare la presenza del proprio brand in Asia Centrale e nel Vicino Oriente: due mercati che promettono davvero ottime registrazioni e che Finchimica ha scelto come prosecuzione per le proprie politiche di internazionalizzazione del marchio.

Finchimica all’estero: perché Iran e Kazakistan?

Per quale ragione Finchimica ha eletto proprio Iran e Kazakistan come i nuovi mercati da aggredire nel prossimo futuro? La motivazione l’ha fornita il direttore commerciale del noto stabilimento chimico: secondo Marco Pirinoli, infatti, si parla di due mercati dalle prospettive più che interessanti e fruttuose. Nonostante l’oggettiva difficoltà nel penetrare in due mercati di non semplice gestione, Pirinoli ha dichiarato che comunque sono pochi i Paesi che possiedono margini e prospettive così interessanti: Iran e Kazakistan, difatti, consentirebbero a Finchimica di entrare in un ecosistema ancora oggi emergente e fortemente votato alle logiche agricole. Inoltre, lo stesso direttore commerciale della società che opera nel bresciano ha chiarito che sono già stati individuati alcuni potenziali soci sul territorio asiatico, che potrebbero facilitare non poco la penetrazione dell’azienda manerbiese.

Finchimica e le altre registrazioni estere

L’azienda che si occupa di agro-farmaci e di intermedi per i prodotti e le colture agricole, negli ultimi anni ha collezionato una lunga lista di registrazioni estere: in tal senso Iran e Kazakistan andrebbero a completare un quadro che non lascia scoperta alcuna zona del globo. Quali sono le altre aree già occupate da Finchimica? Come già accennato, Stati Uniti d’America e Sudamerica (Brasile e Cile) rappresentano due fiori all’occhiello di Finchimica, insieme ad altri paesi come l’Australia e la Cina. Naturalmente il grado di penetrazione maggiore dell’azienda si registra in Europa: qui Finchimica è già entrata con successo in mercati particolarmente importanti come ad esempio la Spagna, il Regno Unito, il Portogallo, il Belgio e la Francia. La lista è comunque molto più lunga: si aggiungono anche altri paesi come l’Austria, l’Irlanda, la Grecia, la Romania, l’Olanda, la Slovacchia, la Bulgaria, la Repubblica Ceca, l’Ungheria, la Polonia, Malta e Cipro.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Cesano Maderno, altro furto in velostazione: la rabbia di Francesco

Non è bastato nemmeno un «doppio lucchetto da fantascienza»: stavolta i ladri hanno smontato direttamente la barra di acciaio a cui era legata la bici. Il sindaco: «Abbiamo già ragionato su quali misure attuare».

A fuoco un convoglio della linea Trenord, paura tra i passeggeri

Ancora da accertare le cause scatenanti. Potrebbe essersi trattato di un cortocircuito, ma anche di un atto doloso

Monza, postini fantasma: lettere buttate a terra e raccomandate mai consegnate

Sistema Poste Italiane in tilt a Monza. Raccomandate mai consegnate, avvisi lasciati senza suonare il citofono, mazzette di lettere buttate a terra. Le lamentele dei cittadini.

Incidente sulla tangenziale nord: lunghe code su viale delle Industrie e A4

Un incidente che ha visto coinvolto un mezzo pesante sta causando grande disagio sulle arterie limitrofe

Debutta l’Area B, ma cos’è? Ecco quello che c’è da sapere

L'Area B è una zona a traffico limitato con divieto di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti oltre a quelli con lunghezza superiore ai 12 metri che trasportano merci.