24 maggio 2018 Segnala una notizia
Doppia truffa sventata a Senago: arzilli 80enni smascherano due impostori

Doppia truffa sventata a Senago: arzilli 80enni smascherano due impostori

14 febbraio 2018

Ci hanno tentato due volte in un pomeriggio, in entrambi i casi con degli 80enni: per fortuna si sono imbattuti in arzilli vecchietti che non si sono fatti prendere in castagna, riuscendo in entrambi i casi a sventare la truffa.

I due tentativi di truffa si sono verificati a Senago lunedì 12 febbraio. Nel primo caso, protagonista una signora di 83 anni, contattata telefonicamente intorno alle 14 da una donna che si è presentata come la nipote. La truffatrice ha prima tentato di intenerire l’anziana, raccontando di uno spicchio di mela che le era andato di traverso, poi dicendole di essere in grave difficoltà per un problema con un contratto e che il padre avrebbe avuto grosse difficoltà se l’83enne non avesse saldato un debito di 6mila euro. Subito la voce femminile viene sostituita da una maschile: un uomo si presenta come il titolare del contratto, dicendo di essere a casa della nipote. L’anziana non si è lasciata prendere in giro e gliene ha cantate quattro, intimando i truffatori ad allontanarsi dalla casa della nipote 13enne che non poteva ricevere visite a quell’ora, aggiungendo che avrebbe chiamato subito il 112, come ha fatto immediatamente dopo.

Un’ora dopo, non paghi, i malintenzionati hanno tentato un nuovo raggiro contattando una coppia di 80enni. Di nuovo, stessa scena della mela andata di traverso, poi la truffa: una donna, fingendo di essere la figlia, racconta all’anziana che, per un problema con la banca, necessita di 60mila euro, invitandola a sanare con urgenza un debito; la truffatrice, nel tentativo di stabilire una complicità con la vittima, le raccomanda di non dire niente al “papà”, ma l’uomo, compreso che c’era qualcosa che non andava e avendo ascoltato che si parlava di valori e gioielli, prende in mano il telefono. Dall’altro lato della cornetta, prende la parola un fantomatico direttore di banca, che viene invitato a casa dei coniugi per risolvere la situazione; il truffatore, però, nel tentativo di intimorire le sue vittime, riferisce che l’avrebbe fatto con la polizia. Anche in questo caso, l’anziano, con grande lucidità ha risposto per le rime, comunicando che al loro arrivo avrebbero trovato i carabinieri.

Sui due episodi stanno indagando i carabinieri della stazione di Senago, che sta raccogliendo elementi finalizzati a risalire ai truffatori. I due malintenzionati, per fortuna, hanno in questo caso mancato il loro perfido obiettivo, ma le forze dell’ordine raccomandano di non aprire la porta agli sconosciuti e comporre il 112 per ogni evento sospetto.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Eleonora D'Errico
Giornalista professionista, appassionata di scrittura, lettura e parole. Per me la vita è riassumibile in alcuni concetti basilari: posti da vedere, persone da conoscere, vite da scoprire e storie da raccontare. Amo la natura, le mie due gatte, le cose semplici e il profumo delle pagine dei libri vecchi. Sono una sognatrice e un’idealista, credo fermamente nel potere del giornalismo costruttivo e nella forza delle parole.


Articoli più letti di oggi

L’Ndrangheta in Brianza e perchè l’inchiesta Domus Aurea è solo all’inizio

Inchiesta dopo inchiesta il Pm Bellomo sta scoprendo anche in Brianza i legami con la malavita. Restano ancora molte cose da scoprire.

Vimercate, auto contromano in Tangenziale Est: grave un 84enne

L'uomo ha percorso diversi chilometri in direzione opposta al senso di marcia, fino allo scontro frontale con un'automobile guidata da un 47enne che non sarebbe in pericolo di vita

Commercio, a Seregno il cinese Sandro apre l’Iper Store Bazar

Nel locale di via Valassina si possono trovare prodotti di ogni categoria merceologica. Accoglienza, pulizia e ordine sono un must.

Giuseppe Malaspina: il passato difficile, l’ascesa e l’arresto

Ecco il ritratto di un uomo descritto dai suoi stessi collaboratori "di una bramosia oltre decenza".

Il “salotto buono” di Monza sotto scacco tra gang di ragazzi, droga e degrado

Commercianti e residenti sul piede di guerra. L'amministrazione, in particolare l'assessore alla Sicurezza, sta pensando di assumere delle guardie private.