16 Giugno 2021 Segnala una notizia
Donne vittime di violenza: lavoro e casa per loro. Nuovo progetto del Comune di Monza

Donne vittime di violenza: lavoro e casa per loro. Nuovo progetto del Comune di Monza

5 Febbraio 2018

Una casa dove vivere e un lavoro per il quale alzarsi la mattina: sono queste le due linee guida del progetto che l’amministrazione comunale sta mettendo a punto nell’ambito del piano regionale per il contrasto alla violenza contro le donne.

In questi ultimi anni il Pirellone ha promosso l’implementazione del numero di centri antiviolenza e di case rifugio sul territorio regionale e ha inteso sostenere il sistema delle reti territoriali antiviolenza. L’amministrazione monzese, dal canto suo, si è data da fare per realizzare una serie di interventi mirati alla presentazione dei progetti finalizzati a rafforzare il sistema locale di contrasto della violenza contro le donne.

In particolare, è stato aperto al pubblico il Centro Antiviolenza gestito da Cadom, Centro Aiuto alle Donne Maltrattate, Associazione di Promozione Sociale con sede in Monza (MB), Via Mentana, 43, e si è inoltre in attesa dell’esito della proposta progettuale presentata a Regione Lombardia nel 2016 per l’apertura di nuovi Centri Antiviolenza a Desio e Vimercate. Adesso, in qualità di ente capofila, la giunta si sta muovendo per arrivare alla presentazione della proposta progettuale finalizzata all’attivazione di progetti personalizzati volti all’inserimento lavorativo e all’autonomia abitativa delle donne vittime di violenza.

In particolare, il progetto mira al rafforzamento di modalità di lavoro integrato ed interdisciplinare all’interno delle reti territoriali che coinvolgano Centri per l’Impiego e operatori regionali accreditati per l’erogazione di servizi al lavoro e alla formazione, il sistema cooperativo e delle imprese sociali, le organizzazioni sindacali e datoriali. Inoltre, il progetto si propone di facilitare e sostenere l’autonomia abitativa delle donne vittime di violenza quale condizione essenziale per la fuoriuscita da situazione di rischio o violenza e la promozione di differenti soluzioni abitative in grado di rispondere alle esigenze.

Il budget complessivo disponibile grazie a uno stanziamento di Regione Lombardia per la Rete territoriale della provincia di Monza e Brianza è di154 mila euro, 68 mila per le azioni relativi all’autonomia abitativa e 86 mila per l’inserimento lavorativo

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi