14 Giugno 2021 Segnala una notizia
Renate. L'occhio elettronico delle foto-trappole per prevenire lo spaccio

Renate. L’occhio elettronico delle foto-trappole per prevenire lo spaccio

9 Gennaio 2018

In tasca aveva circa un grammo e mezzo di marijuana: quantitativo sufficiente a far scattare la segnalazione in Prefettura. E’ finita con una denuncia l’avventura di un 16enne di Renate, fermato insieme ad altri due studenti, di 14 e 15 anni, in una zona del comune – nei pressi della Bevera – luogo frequentato spesso dai ragazzi per la compra-vendita di stupefacenti. A pizzicare i tre furbetti della droga, è stato l’occhio elettronico delle nuove telecamere mobili e mimetiche in dotazione agli agenti della Polizia Locale di Renate dalla scorsa estate: un metodo innovativo per prevenire certi tipi di attività illegali, come lo spaccio oppure l’abbandono abusivo di rifiuti.

“Sono delle telecamere molto simili a dei walkie-talkie – ci spiega Fabio Gazzaniga, responsabile di servizio – noi le posizioniamo nelle zone critiche e loro entrano in funzione solo nel momento in cui “catturano” dei movimenti sospetti. Sono ad infrarossi, quindi anche nelle ore notturne riusciamo ad avere immagini nitide”. Un investimento minimo che sta però già portando buoni risultati: ogni telecamere costa circa 150 euro e, per il momento, in dotazione alla Polizia Locale di Renate ce ne sono due che vengono utilizzate anche su altri comuni, come Veduggio e Cazzano.

“Abbiamo deciso di acquistare queste foto trappole proprio perché continuavamo a ricevere segnalazioni di compra-vendita di stupefacenti tra ragazzi – continua – grazie a queste telecamere siamo riusciti ad intervenire in diverse situazioni. Ovviamente non è semplice perché spesso i ragazzi, che sono molto furbi, nascondono la droga altrove e quindi in fase di perquisizione noi poi non troviamo nulla”. Non sono stati così furbi, invece, i tre giovanissimi che – nonostante il tentativo di fuga alla vista degli agenti, sono stati fermati e denunciati: il grammo e mezzo di marijuana è stato prontamente sequestrato.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Melissa Ceccon
Laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Cattolica di Milano. Mamma e moglie. Scrivo sempre e da sempre: nel 2008, il mio primo articolo di cronaca locale. Da allora, non ho più smesso. Sul web racconto anche di libri e di mamme. Nella mia borsa non mancano mai: un romanzo, una penna, un blocco per gli appunti e lo smartphone per catturare immagini e video delle notizie più interessanti.


Articoli più letti di oggi