Attualità

Parcheggiatori abusivi al mercato di Cesano: fermati quattro nigeriani

I quattro stavano presidiando le vie Indipendenza e Quarto, chiedendo soldi per la loro attività abusiva. Sequestrato l'incasso.

parcheggiatori abusivi cesano maderno ph luca bosio

Si erano improvvisati parcheggiatori e guarda macchine, solo che la loro attività non era proprio in regola. Nella mattinata di venerdì 19 gennaio i carabinieri di Cesano Maderno hanno effettuato un servizio di controllo nell’area del mercato comunale, durante il quale sono stati fermati e controllati quattro uomini di nazionalità nigeriana di età compresa tra i 37 e 27 anni. I militari hanno così potuto accertare che i quattro stavano presidiando le vie Indipendenza e Quarto, chiedendo soldi per la loro attività abusiva di parcheggiatori.

I carabinieri hanno confiscato dalle tasche degli uomini la cifra complessiva di 40 Euro in monete, come prevede la Legge, mentre sono in corso aggiornamenti per capire la posizione dei soggetti sul territorio dello Stato: tutti, infatti, sono risultati muniti di permesso di soggiorno, anche se alcuni non avevano documenti al seguito; molti, però, risiedono in zone ben lontane dalla Provincia di Monza, ovvero Como, Novara, Foggia e Torino.

LA DENUNCIA DI CON BOSIO PER CESANO

Della situazione del mercato comunale di Cesano aveva già parlato MBNews a inizio gennaio in un articolo di Melissa Ceccon. Dopo la mozione presentata e respinta a dicembre in Consiglio Comunale, l’ex candidato sindaco Luca Bosio e la lista Con Bosio per Cesano avevano infatti effettuato un sopralluogo in piazza Facchetti per avere la conferma che le lamentele dei cittadini fossero reali.

«Una situazione davvero allo sbando – aveva commentato Bosio parlando dei numerosi questuanti – Piazza Facchetti, che non è piccola, si sta piano piano svuotando perché la gente non ce la fa più: sono soprattutto le donne anziane ad avere la peggio perché vengono letteralmente pedinate dal parcheggio fino al giro tra i banchi del mercato».

La speranza, ora, è che l’intervento delle forze dell’ordine possa porre un freno alla situazione.