19 Settembre 2020 Segnala una notizia
Il fiume Seveso si tinge di rosso. "Colpa è di uno scarico abusivo"

Il fiume Seveso si tinge di rosso. “Colpa è di uno scarico abusivo”

18 Gennaio 2018

Non è ancora stato individuato il colpevole ma quel che è certo è che, ieri mattina, le acque del Seveso si sono colorate di rosso a causa di qualche furbetto che, nonostante le normative lo vietino, ha comunque deciso di sversare nelle fognature acqua contaminata con sostanze chimiche e coloranti : “ i nostri sospetti vanno in un’unica direzione: aziende tessili oppure tintorie nella zona Cantù –Carimate dove appunto c’è stato lo sversamento – fanno sapere da Seveso Servizi , il Consorzio per il Risanamento Idraulico del bacino sud del fiume, che per primo ha lanciato l’allarme alle autorità competenti – non appena individuata l’anomalia abbiamo subito effettuato dei controlli, insieme ai nostri tecnici, risalendo il tratto di fognatura. Non siamo però riusciti ad individuare con precisione lo scarico abusivo”. L’impatto visivo è stato molto forte tanto che sono state davvero moltissime le segnalazioni anche da parte di diversi cittadini, da Paderno a Seveso, che hanno immortalato con foto e video le acque rosse del fiume brianzolo.

“Si ritiene che la problematica sia da imputare esclusivamente allo sversamento abusivo nel sistema fognario di una particolare tipologia di colorante che, oltre a non poter essere trattata dal sistema di depurazione esistente, comporta una spiccata percezione del colore anche a diluizioni elevate – ci spiega l’ingegner Luca Claudio Colombo, amministratore unico di Seveso Servizi – L’impianto di Carimate, sebbene non sia dotato di una specifica sezione di decolorazione, ha comunque ben tamponato lo scarico eccezionale, limitando – dal punto di vista chimico – l’impatto ambientale sul corpo idrico superficiale, nonostante l’aspetto cromatico”.

Ph di una nostra lettrice – Carolina Castoldi da facebook

Ad oggi la situazione pare essere rientrata nella norma ma le indagini sono ancora in corso da parte dalla Polizia Regionale per trovare i colpevoli: “purtroppo i delinquenti ci sono e non è sempre facile individuarli nonostante i numerosi controlli. Potrebbe trattarsi di aziende come di piccoli privati – fanno sapere da Seveso Servizi – In un certo senso, questa volta siamo stati anche fortunati perché almeno le acque contaminate sono state sversate in fognatura e quindi poi sono arrivate al depuratore che le ha pulite – concludono – se fossero state invece sversate direttamente nel fiume, e succede, ora staremmo parlando di un grave disastro ambientale”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Melissa Ceccon
Laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Cattolica di Milano. Mamma e moglie. Scrivo sempre e da sempre: nel 2008, il mio primo articolo di cronaca locale. Da allora, non ho più smesso. Sul web racconto anche di libri e di mamme. Nella mia borsa non mancano mai: un romanzo, una penna, un blocco per gli appunti e lo smartphone per catturare immagini e video delle notizie più interessanti.


Articoli più letti di oggi

Monza capitale del buon vino: al via Monza Wine Experience

Fino a domenica protagonista in città la manifestazione che ha come protagonista il vino.

“Ciàpa sü e porta a cà”: il primo gioco in scatola sulla Brianza. L’idea di due giovani concorezzesi

L'uscita del gioco è prevista per fine ottobre.

Arcore: tre giorni di festa in Villa Borromeo d’Adda

Moltissime le attività e le iniziative in programma da sabato 19 a lunedì 21 settembre, il tutto in massima sicurezza e nel rispetto delle norme vigenti.

Il Comitato Maria Letizia Verga accende la Villa Reale di Monza

Il 21 settembre prende il via la campagna nazionale “Accendi d’oro, accendi la speranza” per sensibilizzare sull’oncoematologia pediatrica.

Villa Reale chiusa, Cgil Monza e Brianza: “Le istituzioni tutelino i lavoratori”

Il sindacato scende in campo al fianco dei dipendenti di "Cultura Domani", la società che per conto del concessionario privato gestisce parte del monumento, a casa da mesi senza stipendio.