24 Giugno 2021 Segnala una notizia
Dolore e commozione ai funerali dei fratelli Barbieri

Dolore e commozione ai funerali dei fratelli Barbieri

26 Gennaio 2018

Chiesta gremita, il silenzio affranto dei colleghi e parole di non rassegnazione, hanno accompagnato la celebrazione dei funerali dei fratelli Giancarlo e Arrigo Barbieri, di 61 e 58 anni e vittime del tragico incidente sul lavoro della “Lamina” di Milano, dove hanno perso la vita anche altri due operai.

Al termine della funzione, celebrata nella parrocchia di Taccona di Muggiò da monsignor Patrizio Garascia, vicario episcopale di Monza e Brianza, il sindaco di Muggiò Maria Fiorito ha parlato dei fratelli Barbieri, entrambi padri di famiglia originaria di Muggiò (Arrigo si era trasferito a Busto Arsizio in provincia di Varese) come di due uomini che “facendo fino in fondo il proprio dovere, hanno interpretato ciò che la nostra costituzione fissa come valore suprema, il lavoro”.

Il sindaco poi si è rivolta ai figli dei due operai, dicendo loro: “siate orgogliosi dei vostri papà, saranno fari che continueranno a illuminare le vostre vite”. Poi ha ringraziato le vittime: “Per il vostro insegnamento la vostra città vi sarà riconoscente per sempre”. Quando uno dei due fratelli, quel maledetto martedì, è rimasto intossicato dal gas insieme a un altro collega, Giuseppe Setzu, l’altro si è calato nel forno della lamina insieme alla quarta vittima, Marco Santamaria. Per tutti e quattro non c’è stato scampo.

Le indagini sulla vicenda, coordinate dalla Procura di Milano, proseguono per poter spiegare cosa sia andato storto e perché quel gas sia fuoriuscito senza far scattare alcun allarme, come era previsto.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi