25 giugno 2018 Segnala una notizia
La nascita di un bambino e le relazioni con i fratelli e le sorelle

La nascita di un bambino e le relazioni con i fratelli e le sorelle

18 dicembre 2017

L’arrivo di un fratello o una sorella per un bambino è indubbiamente un evento unico e delicato.
Nel mondo del bambino si rimettono in discussione numerosi aspetti, il legame coi genitori, il proprio posto nelle dinamiche familiari, l’immagine di sé e di sé nel mondo. Questo cambiamento che causa un disequilibrio si manifesta nel bambino con modalità molto differenti da caso a caso.

A volte può accadere che il bambino fatichi nel superamento del disequilibrio e incontri più difficoltà nel costruire una nuova condizione di stabilità. Per esempio si possono riscontrare comportamenti provocatori, eccessiva irritabilità e nervosismo, richiesta di attenzioni mai ricercate in precedenza, atteggiamenti eccessivamente protettivi nei confronti del nuovo arrivato, oppure l’alternanza in maniera discontinua di comportamenti opposti fra loro.
Ciò può portare il bambino a comportarsi in maniera difficilmente interpretabile dai genitori che sono portati di conseguenza a vivere una situazione di preoccupazione e stress.

Molte volte l’incomprensione a livello relazionale è bidirezionale: i bambini non vengono compresi nelle loro intenzioni e i genitori tentano diverse modalità relazionali non sintone fra loro.

Questa situazione può portare a relazioni complesse e difficili all’interno della famiglia. A volte un supporto esterno può avere un risvolto positivo per sbloccare la situazione.

Presso il Centro Polispecialistico Colibrì di Usmate Velate, Giulia Casiraghi, laureata in terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, specializzata nel trattamento delle patologie linfatiche e delle problematiche spazio temporali è una specialista nel gestire questo tipologia di tematiche e relazioni difficili.

colibri-nascita-fratello-03

In particolare la specialista si occupa di sostenere i genitori nella lettura delle dinamiche relazionali è di aiuto nel variare gli equilibri della vita familiare. Dall’altro lato si occupa anche del bambino dandoglio uno spazio e un tempo per potersi esprimere liberamente senza giudizi.

Il percorso  è un progetto individuale dove la neuropsicomotricista supporta il bambino ad affrontare le proprie difficoltà all’interno del gioco simbolico, fornendo poi strumenti di rielaborazione delle esperienze e delle emozioni, per poter poi riuscire in modo più autonomo a gestire meglio le difficoltà fuori dalla stanza di neuropsicomotricità.

colibri-nascita-fratello-02

Spesso si è portati a considerare la pratica neuropsicomotoria come un momento ludico fine a se stesso; la psicomotricità invece può essere sia un elemento di supporto allo sviluppo globale del bambino sia uno strumento per superare difficoltà emotive che emergono nella vita quotidiana dei più piccoli.

Come suggerisce già la parola “neuropsicomotricità” non vengono trattati solo i disturbi psicologici, ma anche quelli legati al corpo che comunica con la mente.
Spesso nei bambini notiamo goffaggine, difficoltà nell’organizzazione personale e nelle funzioni mentali. La neuropsicomotricità ha come scopo quello di aiutare il bambino ad affrontare questi ostacoli.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

MBNews-Officine Locati vola in Capanna Monza in sole 4h:02′

Le immagini della partenza, le foto. Tre corridori che con coraggio e preparazione hanno corso molto bene questa difficile gara.

Monza-Resegone 2018: segui la diretta streaming

La prima terna partirà alle ore 21. Le 280 squadre si sfideranno per 42 km dall'Arengario fino su a Capanna Monza.

Fuochi di San Giovanni: tutte le informazioni per accedere al Parco

L'accesso all'area tramite viale Cavriga, viale Mirabello e viale Vedano. Per uscire si dovranno si potranno utilizzare esclusivamente Porta Monza, Porta Villasanta, Porta Vedano.

Tenta di violentare una 13enne mentre dorme: arrestato brianzolo di 41 anni

Il tentativo di stupro si è consumato in un appartamento della provincia di Parma, dove solo il tempestivo intervento della madre della ragazzina ha impedito il peggio

Monza e Brianza che fare questo weekend? Ecco gli eventi scelti per Voi!

Festival, sagre ed iniziative culturali ... ecco la nostra selezione di eventi!