Vimercate, croci in piazza per le vittime della strada. Ricordo speciale per Stacey

 Vimercate, croci in piazza per le vittime della strada. Ricordo speciale per Stacey

Centinaia di croci sono state innalzate domenica 19 novembre in piazza Roma, a Vimercate: ognuna rappresentava il ricordo di una vittima della strada.

In occasione della Giornata Mondiale dedicata a persone morte a causa di incidenti stradali, l’Associazione Matteo La Nasa ha portato in città una toccante cerimonia di sensibilizzazione, che è stata anche l’occasione per commemorare la giovane Stacey Oledibe, la 14enne investita da una compagna mentre si recava a scuola quasi un mese fa.

Croce Castiglia, mamma di Matteo e fondatrice dell’associazione omonima, porta avanti la sua battaglia dal 2011, anno della morte del 18enne di Burago Molgora, rimasto in coma per 16 mesi dopo essere stato travolto da un’auto mentre era seduto in un bar di Versasio (LC) con la fidanzata e i genitori di quest’ultima.

Da allora la donna si è battuta per il riconoscimento dell’omicidio stradale e porta avanti un fitto programma di incontri nelle scuole per parlare ai giovani di quanto sia importante guidare con coscienza.

Dopo la toccante giornata di sensibilizzazione, in serata le compagne di Stacey si sono radunate in piazza Roma, per un momento di raccoglimento durante il quale i professori hanno letto alcuni temi in cui la ragazza stessa parlava di se. La giornata si è conclusa con una messa a cui hanno partecipato i genitori di diverse vittime della strada nonché i familiari della giovane vimercatese.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.

Su Eleonora D'Errico

Giornalista professionista, appassionata di scrittura, lettura e parole. Per me la vita è riassumibile in alcuni concetti basilari: posti da vedere, persone da conoscere, vite da scoprire e storie da raccontare. Amo la natura, le mie due gatte, le cose semplici e il profumo delle pagine dei libri vecchi. Sono una sognatrice e un’idealista, credo fermamente nel potere del giornalismo costruttivo e nella forza delle parole.