07 Luglio 2020 Segnala una notizia
Lissone, ordinanza anti-accattonaggio. Il sindaco: "Pesanti sanzioni"

Lissone, ordinanza anti-accattonaggio. Il sindaco: “Pesanti sanzioni”

27 Novembre 2017

In questi giorni a Lissone si parla molto dell’ordinanza di Divieto di accattonaggio molesto o invasivo su tutto il territorio comunale. Questo provvedimento, preso dalla giunta Comunale, prevede pesanti sanzioni nei confronti di chi attua accattonaggio molesto nei confronti dei cittadini. Il Sindaco Monguzzi, nell’intervista che potete trovare in fondo all’articolo, ci spiega le motivazioni per cui è arrivato questo divieto.

“L’ordinanza che ho emesso in questi giorni riguarda l’accattonaggio molesto e invasivo. A fronte di episodi che si sono verificati all’interno della città e ci sono stati segnalati dai cittadini, mi sono sentita di estendere questa ordinanza per tutelare la fascia di popolazione più debole, in particolare quella anziana. Abbiamo individuato poi i luoghi dove questo accattonaggio è particolarmente molesto, ovvero il cimitero, i mercati, la piazza e i luoghi di culto. Questa ordinanza non è solo rivolta all’accattonaggio, ma anche a comportamenti che sono lesi di una fruizione normale e tranquilla tegli spazi. Sono comportamenti che arrivano sopratutto da gruppi di ragazzi che si divertono a creare dei disturbi alle persone che passeggiano per la città.”.

Questa ordinanza ha posto degli interrogativi tra i cittadini, uno su tutti quello del perché voler “punire” le persone in difficoltà, ma anche qui il Sindaco smentisce chiaramente le malelingue:

“Esitevano già delle norme che andavano contro l’accattonaggio lesivo e molesto, questa ordinanza va però a colmare un vuoto che c’è nel nostro regolamento di polizia urbana che dovrà essere rinnovato. Questo vuoto è proprio quello di poter dare alla Polizia Locale la possibilità di intervenire in determinate situazioni. Con questo atto non vogliamo allontanare dalla città di Lissone le persone povere o in difficoltà che chiedono un pò di elemosina, non vogliamo metterci le fette di salame sugli occhi rispetto ad un’esigenza personale, però vogliamo intervenire rispetto ad un tipo specifico di accattonaggio lesivo e pericoloso per la popolazione”.

Ricordiamo quindi che solo in caso di accattonaggio molesto, è prevista una sanzione amministrativa compresa fra i 100 e i 300 euro. Nel caso, invece, si crei difficoltà alla libera fruizione degli spazi pubblici, è prevista sanzione amministrativa da 25 a 150 euro.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Nicolò Calcagno
Nicolò Calcagno 27 anni, Alessandrino ma Brianzolo d’adozione. Liceo scientifico, studi umanistici. Amo la comunicazione e il giornalismo. Ho lavorato per Radio MilanInter, Radio Alex, Telelombardia, Official Made in Italy e Premium Sport. Attualmente collaboro con la redazione sportiva di Mediaset e racconto per MBNews tutto quello che succede a Desio e Lissone.


Articoli più letti di oggi

Polemica sulle “mascherine pannolino”. Le infermiere: “Ci sentiamo presi in giro”

E' polemica sulle mascherine prodotte per Regione Lombardia da FIPPI Spa. Per Nursind MB non sono idonee. E sulle famose "mascherine pannolino" arriva anche un servizio delle Iene.

Limbiate, pusher invita i clienti a casa per non finire nei controlli anti-Covid: arrestato

Limbiate, pusher 21enne, per minimizzare i rischi di finire tra i controlli anti Covid, ha imposto ai clienti di raggiungerlo a casa sua per ritirare la droga. E' finito lo stesso in manette.

Alcol, prostituzione e mancanza di mascherine: il bollettino della Polizia Locale

Si è concluso un nuovo weekend di controlli notturni da parte della Polizia Locale: registrate violazioni per consumo di alcol per strada, vendita di alcol a minorenni, prostituzione e mancanza di mascherine.

Asfalti Brianza, la perizia del Comune: “L’attività è insalubre (di prima classe)”

Megafono dei residenti è anche il Comitato Sant'Albino, che ha analizzato la perizia nel dettaglio. "L'azienda non può più stare vicino ai centri abitati", ci spiegano.

Monza, ruba 50 euro da un negozio e fugge nascondendosi al Penny Market: arrestato

Un 27enne marocchino, irregolare e senza fissa dimora, è finito in manette a Monza, per aver commesso due furti in due diversi negozi. E' stato sottoposto alla misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.