18 Giugno 2021 Segnala una notizia
Calò al buio, la polemica accende la frazione di Besana Brianza

Calò al buio, la polemica accende la frazione di Besana Brianza

30 Novembre 2017

“Parlate tanto di sicurezza e poi lasciate mezza frazione al buio”. Questa è l’accusa del consigliere Alessandro Corbetta (Lega Nord) rivolta all’amministrazione durante l’ultimo consiglio comunale: via Pozzi, via dei Tigli e piazza Talomoni sono le zone interessate alla questione. Vie di Calò che, da mesi oramai, sono completamente al buio. “Avere un’adeguata illuminazione serve a dare più sicurezza ai pedoni e ai cittadini stessi – continua – ma soprattutto è un validissimo deterrente agli episodi di furti nelle case che, come sappiamo, in questo periodo aumentano”.

anastasia cecchetti assessore lavori pubblici besana brianzaInsomma, la Lega non perde nuovamente l’occasione per puntare i riflettori sulla questione della mancata sicurezza in città, dopo la polemica sui troppi questuanti, ora si aggiunge il problema della scarsa illuminazione pubblica.

A rispondere all’interrogazione esposta da Corbetta ci pensa Anastasia Cecchetti, assessore ai lavori pubblici: “abbiamo a disposizione 30mila euro, soldi che verranno spesi per acquistare i corpi illuminanti che andranno a sostituire e riqualificare quelli mal funzionanti.”
Una risposta che non accontentata la Lega che incalza: “avete a disposizione questo budget – chiede Alessandro Corbetta – ma i cittadini di Calò vogliono avere delle risposte certe: quando verranno effettuati i lavori? Quando si potranno avere delle strade più illuminate?”.

L’amministrazione rimane sul vago preferendo passare la responsabilità ad Enel, l’ente che si occuperà della posa dei nuovi lampioni: “Enel non ci ha ancora fatto avere una planimetria – commenta Cecchetti – quindi non possiamo dare una data certa. Posso solo dire che ce ne occuperemo il prima possibile ma purtroppo non dipende solo da noi”.

Progetto Illumina fermo: se ne riparla a settembre 2018

Questo progetto nasce qualche anno fa un’idea di ENEA e della Provincia di Monza e Brianza e consiste nell’aggregazione di diversi comuni (tra cui appunto anche Besana Brianza) per predisporre tutte le attività necessarie a indire un’unica gara per la riqualificazione degli impianti di illuminazione pubblica: ogni comune, con le proprie specificità, potrà inserire nel progetto gli interventi più desiderati, dalle esigenze di adeguamento e sicurezza, alle tecnologie di risparmio energetico e riduzione dell’inquinamento luminoso. Ma per ora, tutto pare essere bloccato: “ E’ stato aggiudicato il bando di progettazione, abbiamo sentito ulteriormente il capo fila (comune di Desio, ndr) – specifica Anastasia Cecchetti – c’è ancora del lavoro da fare quindi penso che tutto il progetto di riqualificazione partirà entro settembre 2018”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Melissa Ceccon
Laureata in Lingue e Letterature Straniere alla Cattolica di Milano. Mamma e moglie. Scrivo sempre e da sempre: nel 2008, il mio primo articolo di cronaca locale. Da allora, non ho più smesso. Sul web racconto anche di libri e di mamme. Nella mia borsa non mancano mai: un romanzo, una penna, un blocco per gli appunti e lo smartphone per catturare immagini e video delle notizie più interessanti.


Articoli più letti di oggi