12 Novembre 2019 Segnala una notizia
Seveso, il consiglio comunale discute ancora del sottopasso

Seveso, il consiglio comunale discute ancora del sottopasso

6 Ottobre 2017

«È dal 2013 che stiamo cercando di risolvere insieme a Regione Lombardia uno dei problemi più grandi della nostra città, quello dell’attraversamento dei passaggi a livello. È un percorso le cui tappe e modalità non dipendono solo da noi, ma ogni mese facciamo passi avanti. Il progetto definitivo sarà pronto tra poco: concreto, finanziato e che sarà sicuramente realizzato, anche se in tempi non immediati». Il sindaco di Seveso Paolo Butti ha concluso così l’ennesima discussione sul sottopassaggio nel corso del consiglio comunale di lunedì 2 ottobre, rispondendo alle critiche di chi, come Daniele Tagliabue (SevesoViva) vorrebbe l’interramento della linea ferroviaria.

Il dibattito di lunedì serviva ad approvare delle modifiche, dovute a un approfondimento tecnico, al progetto del sottopassaggio, la cui realizzazione è legata a quella della tangenzialina a nord di Cesano Maderno.

Nello specifico, il progetto ora rivisto aggirerà un collettore fognario, che non poteva essere spostato, e amplierà l’area del parcheggio pubblico di via Sabotino. Il nuovo progetto è passato con due soli voti contrari, quelli di Lega Nord e Pdl.

L’opposizione, però, continua a non essere convinta. «Passare al di sotto del collettore fognario implica una serie di cambiamenti, anche economici, nella realizzazione – commenta scettico Tagliabue -: ma non possiamo valutarli perché non ci viene presentata la parte economica. A me il progetto sembra peggiore: ci sono più pendenze e più consumo di suolo».

«Ormai è passato un anno dall’approvazione del progetto – attacca Luca Allievi (Lega Nord) -. E se le risorse non fossero sufficienti? I 67 milioni promessi dalla Regione per migliorare la situazione del nodo Seveso prevedono il raddoppio dei binari e dei treni verso Meda e Camnago: mi sembra troppo!».

«In questi consigli comunali ci siamo giocati il futuro di Seveso – continua Massimo Vaccarino (Pdl) -: non sappiamo se il costo totale dell’opera sarà finanziato. In più, il sottopassaggio non risolve certo il problema dell’attraversamento ferroviario. E non si può dire che portare a casa questo progetto sia stato difficile: Regione Lombardia non aspettava altro! Piuttosto sarebbe stato difficile, questo sì, ottenere un accordo per l’interramento».

«Temo che questo progetto non soddisferà mai nessuno – ribatte il consigliere Luca Gorla (Impegno è servizio) -: non risolverà al 100% i problemi, e in più Ferrovie Nord non ci sta aiutando. Ma l’immobilismo non può risolvere i problemi». «Anche a me sarebbe piaciuto l’interramento – conclude  Roberto Fumagalli (Pd) -, ma non si può fare: lasciamo fare i tecnici ai tecnici. Il primo politico a promettere ai sevesini l’interramento lo fece nel 1946: da allora non è stato fatto niente di concreto. Preferisco questo sottopasso a un sogno».

Il sottopassaggio non avrà comunque realizzazione immediata: si parla di completarlo per la fine del 2020. Anche se la polemica a riguardo sembra destinata a non esaurirsi mai.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Monza, pulizia d’autunno al deposito veicoli abbandonati della polizia locale

Negli anni sono stati accatastati 33 fra autoveicoli e motocicli e 29 biciclette che nessuno a ha rivendicati. Saranno demoliti

Addio al giudice Giuseppe Airò: era da 40 anni in servizio al Tribunale di Monza

E' deceduto oggi il giudice del Tribunale di Monza Giuseppe Natalino Airò. Sessantotto anni, dagli anni Ottanta in servizio a Monza. Era da alcuni mesi assente dal lavoro per problemi di salute.

Incendio al castello di Sulbiate: arrestata l’autrice del rogo

E' finita in manette l'autrice dell'incendio al castello di Sulbiate: si tratta di una donna italiana, impiegata, residente nella periferia ovest di Milano. Il movente è passionale.

Artigiano in Fiera: novità 2019 accesso gratuito con pass. Scopri come ottenerlo

Appuntamento dal 30 novembre all'8 dicembre nei padiglioni di Rho Fiera con apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.30.

Concorezzo, violenta lite tra due donne fuori da un locale: una finisce in ospedale

Violenta lite tra due donne di nazionalità ecuadeoregna, a Concorezzo, fuori da un locale. Una delle due ha avuto la peggio ed è finita in ospedale in codice giallo.