Quantcast
Codacons: "A Monza autobus del terrore". Il sindaco: "L'Agenzia Regionale deve fare di più" - MBNews
Attualità

Codacons: “A Monza autobus del terrore”. Il sindaco: “L’Agenzia Regionale deve fare di più”

Minacce, aggressioni e violenze sono ormai all'ordine del giorno. Gli autisti da tempo esasperati.

autobus-grenerica-mb

Minacce, aggressioni e violenze sono ormai all’ordine del giorno sulle linee di autobus che collegano Monza e dintorni. Gli autisti da tempo esasperati. Le linee particolarmente interessate sono la 222, la 223, la 205 e la terribile z221. “Se la situazione non migliorerà chiederemo le dimissioni del Sindaco” ha annunciato Codacons attraverso una nota stampa ufficiale.
I passeggeri spesso non pagano il biglietto, sono ubriachi e violenti, e nelle ore notturne la situazione si complica ulteriormente. “I presidi della polizia non sono abbastanza e la sorveglianza presente non è sufficiente ad arginare il problema” continua l’associazione.

Gli autisti, disperati per la situazione, hanno perfino chiesto che alcune fermate vengano soppresse a determinati orari. Gli episodi di violenza ai loro danni, così come quelli che vedono protagonisti i controllori su queste linee, sono stati numerosi. “Nonostante le segnalazioni, non è mai cambiato nulla. Impossibile continuare a vivere in questo clima di terrore, è necessario agire immediatamente. È davvero incredibile che non ci sia stato alcun intervento per risolvere il problema. È inaccettabile una tale noncuranza nei confronti di onesti lavoratori”.

Anche noi di MBNews in più di un’occasione abbiamo raccontato i tristi episodi di violenza. Spesso a far partire la scintilla è la semplice richiesta di esibire il documento di identità o il titolo di viaggio. Altre volte sono situazioni di panico a causa di ubriachezze moleste o stati di alterazione.

Uno dei casi più cruenti si è verificato nel gennaio scorso quando un ventitreenne monzese è stato denunciato dalla Polizia di Stato di Monza, per aver aggredito con una testata il controllore di un autobus, con il quale ha avuto una discussione per il biglietto di viaggio. Salito a bordo del mezzo, il controllore ha chiesto a tutti i viaggiatori di esibire il proprio biglietto. Arrivato davanti al ventitreenne, si è visto rifiutare la richiesta. A quel punto, come da prassi, il controllore ha detto al giovane di essere costretto a fargli la multa. Tra i due è nata un’accesa discussione, fin quando il viaggiatore privo di biglietto ha reagito colpendo il controllore con una violenta testata.

Al grido d’allarme lanciato dal Codacons, e alle forti dichiarazioni espresse in merito, il sindaco di Monza Dario Allevi ha commentato: “Comprendo le preoccupazioni degli autisti e dei passeggeri e condivido con loro il bisogno di sicurezza che anche in altre parti della città emerge come una delle priorità da affrontare. Nel caso specifico, però, il Comune di Monza non ha titoli per avviare iniziative ad hoc, anche perchè il gestore del trasporto pubblico in città è da alcuni mesi l’Agenzia Regionale del Trasporto Pubblico, alla quale sono stati conferiti i servizi la scorsa estate. Serve senza dubbio un maggior presidio nelle strade, particolarmente nelle ore notturne: va in questa direzione lo sforzo che stiamo compiendo con il nostro corpo di polizia municipale”.

commenta