Lazzate, stop all’accoglienza. Il sindaco: “Abbiamo vinto!”

Lazzate, stop all’accoglienza. Il sindaco: “Abbiamo vinto!”

Ci sono stati striscioni e comizi. Raccolte firme e mozioni intitolate “Stop ai migranti nel borgo”.  E alla fine a spuntarla sono stati i leghisti di Lazzate: nel pomeriggio di mercoledì 11 ottobre l’associazione D&G Research ha dichiarato la fine, con decorso immediato, del progetto di accoglienza dei richiedenti asilo, iniziato ufficialmente nemmeno due mesi fa con l’arrivo a Lazzate di due giovani donne della Costa d’Avorio insieme ai rispettivi figli (per un totale di 4 persone, trasferite il 17 agosto da una struttura di Ronco Briantino, ndr). Il laconico comunicato della D&G non lascia trapelare nessuna motivazione per una decisione che, dopo l’ondata di manifestazioni anti accoglienza, sembra lasciare tutti sorpresi. Di fatto però i 4 richiedenti asilo si erano già allontanati autonomamente da qualche giorno.

La stessa amministrazione comunale, che sin dal primo momento si era detta ferocemente contraria a ospitare richiedenti asilo sul proprio territorio, si era ormai rassegnata a portare avanti una battaglia burocratica, volta a dimostrare che la destinazione d’uso degli appartamenti di proprietà della D&G non corrispondeva a quella prevista dal Pgt. «Crediamo che abbia giocato un ruolo decisivo l’atteggiamento fermo dell’amministrazione comunale e la reazione decisa della popolazione, contraria a questo progetto di presunta accoglienza imposta dall’alto» ha commentato il sindaco Loredana Pizzi, che sin da luglio protesta contro la Prefettura per non essere stata né consultata né avvertita dell’arrivo di richiedenti asilo sul territorio comunale.

lazzate-manifestazione-5agosto-mb

 «Incassiamo questa prima vittoria – continua l’assessore Andrea Monti, che sostiene con orgoglio che Lazzate è stata una delle poche amministrazioni “ad aver affrontato a testa alta e senza timori reverenziali le ire del prefetto” -. Per una volta possiamo dire che non vince la prepotenza e l’arroganza di chi vuol imporre progetti di questo tipo all’insaputa di tutti e calpestando la stessa amministrazione comunale. Ma non è ancora finita – avverte -: è chiaro che l’intenzione dell’associazione sarà quello di attivare nuovamente in futuro il centro. Per questo chiediamo al prefetto di convocarci immediatamente, al fine di informarci sulle intenzioni future e darci la possibilità di illustrare tutti i punti di contrarietà e di difformità degli immobili, rispetto a quell’attività, che abbiamo più volte ribadito negli ultimi mesi».
lazzate-profughi-manifestazione-striscioni-mb
 
La battaglia anti-accoglienza di Lazzate, forse la città più leghista della Brianza, aveva attirato anche Matteo Salvini, che a inizio agosto, dopo aver invitato la popolazione a “fare le barricate” per impedire ai migranti l’ingresso negli appartamenti della D&G, aveva dichiarato: «Dimostriamo che dove passa la Lega non passa il clandestino». E d’altra parte il segretario della Lega Nord lo aveva detto: dove la popolazione si muove, i migranti non arrivano.
Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.

Su Giulia Santambrogio

Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.