Ambiente

Desio, è in arrivo il sacco blu per il rifiuto secco indifferenziato

Dal prossimo 11 gennaio il Comune procederà ad un ammodernamento nel sistema di raccolta dei rifiuti, introducendo un nuovo sacco munito di microchip.

gelsia-ambiente-desio

Dal prossimo 11 gennaio il Comune di Desio procederà, in collaborazione con Gelsia Ambiente, ad un ammodernamento nel sistema di raccolta dei rifiuti in città. Tale sistema sarà dunque implementato per un miglioramento generale dei servizi ambientali, obiettivo che l’Amministrazione Comunale si è data nei mesi scorsi e che, una volta raggiunto, potrà portare anche vantaggi economici oltre a quelli strettamente ambientali.

Il fulcro del cambiamento è costituito dall’introduzione della raccolta del rifiuto secco indifferenziato tramite sacchi di colore blu muniti di microchip (TAG RFID), con i quali si provvederà alla “misurazione” del rifiuto prodotto dalla singola utenza con l’obiettivo futuro di applicare una tariffa puntuale più equa secondo il principio “meno inquini, meno paghi”, migliorando contemporaneamente la percentuale di raccolta differenziata. Il vecchio sacco di colore grigio andrà dunque in pensione. I sacchi blu avranno un codice univoco personale che sarà assegnato al momento della consegna e sarà quindi diverso rispetto a quello di un’altra persona o famiglia. Nelle giornate di ritiro, il sacco regolarmente esposto in strada viene caricato dagli operatori sui mezzi dotati di un sistema di registrazione (reader), che rileva il codice e trasferisce i dati ad un software centrale, che elabora la quantità di rifiuto effettivamente prodotta da ogni cittadino.

Restano in vigore tutte le altre modalità di raccolta differenziata dei rifiuti.

Questa importante novità permetterà un aumento della qualità e della quantità della raccolta differenziata, con il conseguente recupero di materiali e risorse che possono essere riutilizzati ed una riduzione dei rifiuti residui non riciclabili.

Il cambiamento sarà accompagnato da un’articolata campagna di comunicazione, messa a punto da Gelsia Ambiente e Amministrazione Comunale: l’informatore comunale Desio Città, in distribuzione nei prossimi giorni, riserva una pagina all’argomento, mentre tra qualche settimana sarà recapitata a tutti i cittadini una lettera informativa con un pieghevole dettagliato che spiega in termini semplici cosa cambia e come. Tra fine novembre e gennaio si terranno alcuni incontri pubblici durante i quali i tecnici di Gelsia Ambiente spiegheranno le nuove modalità di raccolta. In città verranno inoltre installati punti informativi “mobili” e verrà realizzata una campagna affissioni con manifesti e locandine richiamanti la novità.

Altro momento privilegiato di contatto con il cittadino sarà quello della distribuzione dei nuovi sacchi, ovviamente gratuita, che verrà effettuata dal 4 dicembre presso la “Casa del Custode” (palazzo comunale con ingresso da Piazza Don Giussani).

“L’implementazione dell’utilizzo del sacco blu anche nel nostro Comune – afferma l’Assessore all’Igiene Urbana Stefano Guidotti – risponde all’obiettivo di migliorare le performance già positive della raccolta differenziata: attraverso questo nuovo strumento incoraggiamo i nostri concittadini ad avere un comportamento sempre più virtuoso nella fare la raccolta differenziata, puntando ad arrivare all’80% di differenziazione, con benefici ambientali ed economici. Ringraziamo la società Gelsia Ambiente che ci accompagna in questo importante passaggio, ma soprattutto i nostri concittadini che daranno sicuramente una risposta positiva a questa novità”.

“La misurazione dei rifiuti tramite il sistema RFID – dichiara il Presidente di Gelsia Ambiente Massimo Borgato – è il fiore all’occhiello della Società, perché rappresenta un esempio concreto di innovazione tecnologica applicata al settore rifiuti. Gli investimenti effettuati nel corso di questi anni, per lo studio e l’applicazione di nuove tecnologie, hanno consentito a Gelsia Ambiente di essere un partner affidabile per tutte le Amministrazioni Comunali del territorio e di diventare un esempio virtuoso nella raccolta dei rifiuti a livello nazionale”.

commenta