Monza, la ricetta Sassoli: “La città deve riscoprire la sua vocazione produttiva”

Monza, la ricetta Sassoli: "La città deve riscoprire la sua vocazione produttiva"

Un tavolo scientifico aperto a tutti gli operatori per favorire la ripresa del marcato immobiliare. E’ stata questa la novità annunciata martedì mattina da Martina Sassoli, assessore all’Urbanistica del Comune di Monza, durante la conferenza stampa di presentazione del rapporto sullo stato di salute delle compravendite di case a Monza e in Brianza.

Il tavolo – ha spiegato l’assessore -, servirà per avviare un confronto fra tutte le associazioni di categoria e farò in modo che vi partecipino anche gli ambientalisti. L’obiettivo è molto semplice: individuare le criticità della città e rimuoverle per fare in modo che Monza ritrovi la sua vocazione produttiva e con essa anche una ripresa del mercato immobiliare”.

Si tratta, in altre parole, di una vera e propria filiera che l’assessore ha intenzione di attivare attraverso inventivi fiscali.

“Il punto di partenza è la produzione – spiega -. Il nostro intento è attrarre nuove realtà produttive sul territorio, di conseguenza si genererebbero nuovi posti di lavoro e nuovi residenti e alla fine nascerebbe la necessità di costruire nuove case”. E infatti, oltre alla costituzione di un tavolo scientifico di confronto, l’assessore ha anche annunciato l’introduzione di agevolazione fiscale per i primi di tre anni alle aziende o agli artigiani che sceglieranno Monza come base produttiva.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.

Su Riccardo Rosa

Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.