12 Maggio 2021 Segnala una notizia
Seveso, ladri al centro ricreativo: prese le merendine e si collegano al wi-fi

Seveso, ladri al centro ricreativo: prese le merendine e si collegano al wi-fi

10 Luglio 2017

Merendine, due bottiglie di spumante e il wi-fi. È il bottino dei vandali che nella notte tra venerdì 7 e sabato 8 luglio sono entrati al centro ricreativo La Petitosa, all’interno del parco di Villa Dho, a Seveso. Lo hanno scoperto i volontari dell’associazione Natur&, che dal 1995 gestisce il centro ricreativo nato per gli anziani e le famiglie, da sempre aperto a svariate attività di tipo sociale, dall’inclusione degli adolescenti della vicina casa famiglia ai corsi di italiano per stranieri.

«Hanno rotto la porta e sono riusciti a entrare – racconta un volontario indicando la porta d’ingresso con il sopraluce divelto -. Si sono portati via le merendine del bar e due bottiglie di spumante che qualcuno aveva portato tempo fa per una festa. Non è la prima volta che succede, ma questa volta deve essere stato qualcuno che frequenta abitualmente il centro ricreativo, perché, una volta entrati, hanno acceso il wi-fi: una volontaria si ricorda di averlo spento ieri sera (venerdì, ndr) prima di uscire». Una refurtiva che non lascia certo pensare a dei ladri di professione, ma piuttosto a dei ragazzini, che, per quanto disperatamente bisognosi di una connessione internet, non si sono preoccupati di non lasciare traccia, mettendo a soqquadro le due stanze del centro. Qualcuno ipotizza che l’effrazione a La Petitosa sia stata la conclusione di una serata passata a fumare qualche spinello: di certo le modalità sembrano quelle di un gruppetto di vandali annoiati dal venerdì sera in provincia. Forse gli stessi che, tempo fa, avevano provato a rompere i vetri di una finestra del centro ricreativo, rendendosi poi conto che non sarebbero mai riusciti a passare senza tagliarsi:perché i doppi vetri, diversamente dalla scena di un film d’azione, non erano andati in frantumi.

In apertura, il centro ricreativo La Petitosa. Nell’articolo, due foto scattate al momento della scoperta dell’effrazione.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi