23 Settembre 2021 Segnala una notizia
Case farmaceutiche: i NAS scoprono giro di corruzione

Case farmaceutiche: i NAS scoprono giro di corruzione

20 Luglio 2017

Concorsi per assunzioni di personale ad hoc foraggiati con donazioni per la ricerca, convegni e borse di studio pagate dalle case farmaceutiche negli ospedali milanesi Fatebenefratelli, Macedonio Melloni, Buzzi e Sacco, in cambio dell’acquisto e dell’utilizzo dei farmaci in reparto.

Questo il cuore della maxi indagine “Domino” dei carabinieri del Nas di Milano, che questa mattina hanno eseguito numerose perquisizioni e acquisizioni documentali negli uffici degli ospedali milanesi, in quindici aziende farmaceutiche e società provider per l’organizzazione di convegni nelle province di Milano, Monza, Lecco, Varese, Vercelli, Verona, Piacenza, Bologna, Roma, Firenze, Latina e Palermo. Quattro le persone inscritte nel registro degli indagati a vario titolo per corruzione, induzione indebita a dare o promettere denaro o altre utilità, abuso d’ufficio, truffa e riciclaggio.

Secondo quanto ricostruito nelle indagini, coordinate dalla Procura di Milano, avviate nell’autunno del 2016, le quindici case farmaceutiche coinvolte, di cui “diverse” a quanto si è appreso sarebbero in Brianza, avrebbero messo in piedi un “illecito e clientelare modus operandi” con la complicità di alcuni tra medici e funzionari delle strutture sanitarie i quali, abusando delle loro funzioni , avrebbero predisposto concorsi pubblici ad hoc favorendo l’assunzione di medici e paramedici da loro prescelti per meri interessi personali, foraggiati grazie a “donazioni per la ricerca” o “borse di studio” foraggiate dalle stesse aziende del farmaco.

Inoltre, gli stessi medici, avrebbero percepito direttamente dalle farmaceutiche somme di denaro come premio in cambio dell’incremento della prescrizione dei loro farmaci, camuffati in sponsorizzazioni per l’organizzazione di convegni scientifici, attraverso la complicità di società provider che ne curavano l’organizzazione. I “provider di servizi” compiacenti che formalmente organizzavano gli eventi, di fatto distraevano il denaro ottenuto dalle società farmaceutiche, per ridistribuirlo nei conti correnti dei medici, ricompensati anche con beni di varia natura, come cellulari, computer e altro.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi