22 Settembre 2021 Segnala una notizia
Monza, graffitari in azione del "nuovo" sottopasso Rota Grassi

Monza, graffitari in azione del “nuovo” sottopasso Rota Grassi

11 Luglio 2017

Non è resistito più di un mese il “nuovo” sottopasso pedonale di via Rota – Grassi. A distanza di poche settimane dalla chiusura dell’intervento di riqualificaizione, i soliti writers sono entrati in azione armati di bomboletta e hanno imbrattato i muri tinteggiati di fresco. Non c’è alcuna arte in quegli scarabocchi, solo vandalismo e spreco di denaro pubblico, visto e considerato che l’intervento di sistemazione del sotto passo è costato circa 200 mila euro.

Monza-sottopasso-rota-grassi-imbrattato04

I graffitari sono entrati in azione nei giorni scorsi e grazie ad alcuni residenti la segnalazione delle loro malefatte è arrivata anche alla nostra redazione sotto forma di mail. A essere presi di mira sono stati i muri del sottopasso, non quelli delle rampe di accesso scoperti e quindi più a rischio. Al coperto del sottopasso, quindi, i graffitari hanno sfoderato le loro bombolette e hanno imbrattato in diversi punti il tunnel.

Monza-sottopasso-rota-grassi-imbrattato05

Riqualificazione del tunnel che fra le altre cose non è stata ancora ultimata. All’appello infatti manca il nuovo impianto di illuminazione a led e in grado di garantire risparmio energetico. Tuttavia, proprio all’interno del tunnel, incastrato in una delle vecchie lampade dell’impianto, compare un cartello del Comune che avvisa che l’installazione dei nuovi punti luce avverrà nel giro di pochi giorni.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi