19 Giugno 2019 Segnala una notizia
Archiviare Pedemontana: anche le istituzioni chiedono lo stop

Archiviare Pedemontana: anche le istituzioni chiedono lo stop

11 Luglio 2017

«Ampliare il Bosco delle Querce sarebbe il mio sogno, e non solo mio»: lo ha detto il presidente del consiglio comunale di Seveso Giorgio Garofalo in chiusura alla conferenza stampa “Archiviare Pedemontana” di sabato 8 luglio, rispondendo alle istanze presentate da Insieme in rete.

«Io partirei dalla piantumazione del territorio: un gesto simbolico e concreto – ha continuato -. Sono le battaglie dei cittadini a influenzare le decisioni politiche: e infatti sul tema diossina stiamo portando avanti un monitoraggio continuo. Parliamoci chiaro: della diossina ce ne eravamo dimenticati tutti, è anche grazie all’impegno di Insieme in rete che siamo tornati a parlarne. Secondo me Pedemontana è di fatto fallita: dobbiamo alimentare questa narrazione, prima che si imponga quella di chi la vuole mantenere in vita. Non è comunque finita qui: ci sono cantieri aperti, pezzi di autostrada in giro per la Brianza. E manca, nei fatti, un vero collegamento est/ovest, tenendo anche conto della situazione disastrosa dei mezzi pubblici».

Garofalo non è l’unico fra i rappresentanti delle istituzioni a pensarla così: Maurilio Longhin, neo-sindaco di Cesano Maderno, si batte da anni contro Pedemontana. «Ci siamo attivati subito sul tema diossina – ricorda -: sono io che ho presentato in Regione il primo documento congiunto tra tutte le amministrazioni per denunciarne il pericolo. Su Pedemontana, il discorso economico è importante per quanto riguarda il programma approvato dal Cipe e le compensazioni ambientali, che ancora non sono state fatte. E d’altra parte come potranno esserci compensazioni più avanti, se non ci sono i soldi nemmeno adesso? Se Pedemontana non ha risorse si fermi: si trovino, piuttosto, quelle per la Milano-Meda, struttura ormai obsoleta, fuori norma e in fase critica, che, con i volumi di traffico previsti, rischia il collasso».

Se Garofalo è un ex Pd, che ha lasciato per Articolo1, Longhin è stato eletto come candidato del Partito democratico: le dichiarazioni di entrambi sono comunque molto lontane da quelle rilasciate dalla scorsa settimana dagli esponenti del Pd regionale, secondo i quali «il fallimento di Pedemontana sarebbe un problema enorme». L’impressione è che il partito non conosca i bisogni e le istanze dei propri sindaci, con un effetto di scollamento che rischia di essere deleterio anche su scala nazionale. «Ai miei tempi erano i sindaci a fare le manifestazioni contro Pedemontana, ed è grazie a loro se si discute ancora dell’autostrada – rivendica polemicamente Vittorio Pozzati, ex sindaco di Mezzago ed ex Pd -. Ma sono le amministrazioni che dovrebbero invitare le associazioni, non esserne invitate: la loro azione dovrebbe essere più incisiva».

«Dall’87 in poi ci siamo dimenticati della diossina: Insieme in rete ha riportato le carte sul tavolo – aggiunge Gianni Del Pero, il geologo che nel 2016 è stato incaricato dai comuni di Barlassina, Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Desio e Seveso di monitorare i campionamenti di terreno durante le analisi per la quantificare il livello di diossina presente -. Su richiesta della regione la Fondazione Lombardia per l’Ambiente sta ampliando le indagini alle aree esterne al tracciato per verificare la presenza di diossina e la compatibilità d’uso delle aree circostanti, e anche il comune di Seveso ha chiesto ulteriori indagini». Nemmeno Del Pero ha dubbi sul futuro di Pedemontana: la sua fattibilità, secondo il geologo del Wwf, è limitatissima.

In apertura: Longhin, Ezio Moretti, responsabile dell’archivio della memoria realizzato da Insieme in rete, Gemma Beretta di Insieme in rete, Garofalo, Tiziano Grassi del comitato della Brughiera Briantea, Alberto Colombo di Sinistra e Ambiente

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Sesso in cambio di denaro: prete ricattato da tre brianzoli. Arrestati

Un 23enne di Bernareggio, una coetanea di Seregno e un 29enne di Ronco sono accusati di avergli estorto più di 6mila euro

Metro a Monza, l’annuncio del sindaco Allevi “Entro luglio a Roma per la firma”

Il borgomastro non ha dubbi: "Siamo molto vicino a chiudere. Per scongiurare ogni imprevisto ci siamo dati una deadline per la firma a Roma, ovvero entro il mese di luglio".

Monza, un residente: “Basta spaccio al ‘Parco 80’, situazione insostenibile”

Una segnalazione anonima arrivata alla redazione di Mbnews ci descrive una situazione che sta degenerando nella piazza di Parco 80 a causa del consumo di droghe leggere.

Parco 80 Monza

Monza, in mille alla “Cena in bianco”. Oltre 15mila persone per la nostra diretta live

Il 29 giugno si terrà la prima edizione della manifestazione a Cinisello Balsamo.

Sopralluogo ATP a Monza: “Struttura super”. Per i campi arriva l’esperto australiano

Una verifica che a Monza, in vista del progetto dell'Atp 250 'Monza Open 2020', non poteva andare meglio.