16 Dicembre 2019 Segnala una notizia
Archiviare Pedemontana: anche le istituzioni chiedono lo stop

Archiviare Pedemontana: anche le istituzioni chiedono lo stop

11 Luglio 2017

«Ampliare il Bosco delle Querce sarebbe il mio sogno, e non solo mio»: lo ha detto il presidente del consiglio comunale di Seveso Giorgio Garofalo in chiusura alla conferenza stampa “Archiviare Pedemontana” di sabato 8 luglio, rispondendo alle istanze presentate da Insieme in rete.

«Io partirei dalla piantumazione del territorio: un gesto simbolico e concreto – ha continuato -. Sono le battaglie dei cittadini a influenzare le decisioni politiche: e infatti sul tema diossina stiamo portando avanti un monitoraggio continuo. Parliamoci chiaro: della diossina ce ne eravamo dimenticati tutti, è anche grazie all’impegno di Insieme in rete che siamo tornati a parlarne. Secondo me Pedemontana è di fatto fallita: dobbiamo alimentare questa narrazione, prima che si imponga quella di chi la vuole mantenere in vita. Non è comunque finita qui: ci sono cantieri aperti, pezzi di autostrada in giro per la Brianza. E manca, nei fatti, un vero collegamento est/ovest, tenendo anche conto della situazione disastrosa dei mezzi pubblici».

Garofalo non è l’unico fra i rappresentanti delle istituzioni a pensarla così: Maurilio Longhin, neo-sindaco di Cesano Maderno, si batte da anni contro Pedemontana. «Ci siamo attivati subito sul tema diossina – ricorda -: sono io che ho presentato in Regione il primo documento congiunto tra tutte le amministrazioni per denunciarne il pericolo. Su Pedemontana, il discorso economico è importante per quanto riguarda il programma approvato dal Cipe e le compensazioni ambientali, che ancora non sono state fatte. E d’altra parte come potranno esserci compensazioni più avanti, se non ci sono i soldi nemmeno adesso? Se Pedemontana non ha risorse si fermi: si trovino, piuttosto, quelle per la Milano-Meda, struttura ormai obsoleta, fuori norma e in fase critica, che, con i volumi di traffico previsti, rischia il collasso».

Se Garofalo è un ex Pd, che ha lasciato per Articolo1, Longhin è stato eletto come candidato del Partito democratico: le dichiarazioni di entrambi sono comunque molto lontane da quelle rilasciate dalla scorsa settimana dagli esponenti del Pd regionale, secondo i quali «il fallimento di Pedemontana sarebbe un problema enorme». L’impressione è che il partito non conosca i bisogni e le istanze dei propri sindaci, con un effetto di scollamento che rischia di essere deleterio anche su scala nazionale. «Ai miei tempi erano i sindaci a fare le manifestazioni contro Pedemontana, ed è grazie a loro se si discute ancora dell’autostrada – rivendica polemicamente Vittorio Pozzati, ex sindaco di Mezzago ed ex Pd -. Ma sono le amministrazioni che dovrebbero invitare le associazioni, non esserne invitate: la loro azione dovrebbe essere più incisiva».

«Dall’87 in poi ci siamo dimenticati della diossina: Insieme in rete ha riportato le carte sul tavolo – aggiunge Gianni Del Pero, il geologo che nel 2016 è stato incaricato dai comuni di Barlassina, Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Desio e Seveso di monitorare i campionamenti di terreno durante le analisi per la quantificare il livello di diossina presente -. Su richiesta della regione la Fondazione Lombardia per l’Ambiente sta ampliando le indagini alle aree esterne al tracciato per verificare la presenza di diossina e la compatibilità d’uso delle aree circostanti, e anche il comune di Seveso ha chiesto ulteriori indagini». Nemmeno Del Pero ha dubbi sul futuro di Pedemontana: la sua fattibilità, secondo il geologo del Wwf, è limitatissima.

In apertura: Longhin, Ezio Moretti, responsabile dell’archivio della memoria realizzato da Insieme in rete, Gemma Beretta di Insieme in rete, Garofalo, Tiziano Grassi del comitato della Brughiera Briantea, Alberto Colombo di Sinistra e Ambiente

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Maxi incidente sul Viale delle Industrie: coinvolte 3 auto, un tir e un furgoncino

Maxi incidente sul Viale delle Industrie all'altezza del cavalcavia di San Rocco. Si è consumato intorno alle 15.00: 3 le auto coinvolte, un tir e un furgoncino. Tre le persone. Intervenuti i soccorsi. Traffico in tilt.

Tragedia a Brugherio: due persone trovate morte in casa

Tragedia a Brugherio nella serata di venerdì 13: due persone sono state trovate prive di vita nella loro abitazione. Indagini in corso. Disposta l'autopsia su entrambi i corpi.

Notte di fuoco a Monza: in fiamme un magazzino cinese

Notte di fuoco a Monza: erano circa le due di notte di domenica 15 dicembre, quando le fiamme hanno fagocitato un intero magazzino di proprietà cinese, in via Buonarroti 182. Si indaga sulle cause.

La Saugella Monza ferma la sua corsa contro Busto Arsizio

Le monzesi, meno brillanti del solito, faticano ad entrare in partita e mancano l'appuntamento con la sesta vittoria di fila.

Agrate Brianza, 46enne in manette: teneva nascosto in casa un fucile abusivo

Arrestato dai Carabinieri un uomo di 46 anni, residente ad Agrate Brianza, per detenzione abusiva di un fucile con matricola abrasa.