21 Gennaio 2019 Segnala una notizia
Archiviare Pedemontana: anche le istituzioni chiedono lo stop

Archiviare Pedemontana: anche le istituzioni chiedono lo stop

11 Luglio 2017

«Ampliare il Bosco delle Querce sarebbe il mio sogno, e non solo mio»: lo ha detto il presidente del consiglio comunale di Seveso Giorgio Garofalo in chiusura alla conferenza stampa “Archiviare Pedemontana” di sabato 8 luglio, rispondendo alle istanze presentate da Insieme in rete.

«Io partirei dalla piantumazione del territorio: un gesto simbolico e concreto – ha continuato -. Sono le battaglie dei cittadini a influenzare le decisioni politiche: e infatti sul tema diossina stiamo portando avanti un monitoraggio continuo. Parliamoci chiaro: della diossina ce ne eravamo dimenticati tutti, è anche grazie all’impegno di Insieme in rete che siamo tornati a parlarne. Secondo me Pedemontana è di fatto fallita: dobbiamo alimentare questa narrazione, prima che si imponga quella di chi la vuole mantenere in vita. Non è comunque finita qui: ci sono cantieri aperti, pezzi di autostrada in giro per la Brianza. E manca, nei fatti, un vero collegamento est/ovest, tenendo anche conto della situazione disastrosa dei mezzi pubblici».

Garofalo non è l’unico fra i rappresentanti delle istituzioni a pensarla così: Maurilio Longhin, neo-sindaco di Cesano Maderno, si batte da anni contro Pedemontana. «Ci siamo attivati subito sul tema diossina – ricorda -: sono io che ho presentato in Regione il primo documento congiunto tra tutte le amministrazioni per denunciarne il pericolo. Su Pedemontana, il discorso economico è importante per quanto riguarda il programma approvato dal Cipe e le compensazioni ambientali, che ancora non sono state fatte. E d’altra parte come potranno esserci compensazioni più avanti, se non ci sono i soldi nemmeno adesso? Se Pedemontana non ha risorse si fermi: si trovino, piuttosto, quelle per la Milano-Meda, struttura ormai obsoleta, fuori norma e in fase critica, che, con i volumi di traffico previsti, rischia il collasso».

Se Garofalo è un ex Pd, che ha lasciato per Articolo1, Longhin è stato eletto come candidato del Partito democratico: le dichiarazioni di entrambi sono comunque molto lontane da quelle rilasciate dalla scorsa settimana dagli esponenti del Pd regionale, secondo i quali «il fallimento di Pedemontana sarebbe un problema enorme». L’impressione è che il partito non conosca i bisogni e le istanze dei propri sindaci, con un effetto di scollamento che rischia di essere deleterio anche su scala nazionale. «Ai miei tempi erano i sindaci a fare le manifestazioni contro Pedemontana, ed è grazie a loro se si discute ancora dell’autostrada – rivendica polemicamente Vittorio Pozzati, ex sindaco di Mezzago ed ex Pd -. Ma sono le amministrazioni che dovrebbero invitare le associazioni, non esserne invitate: la loro azione dovrebbe essere più incisiva».

«Dall’87 in poi ci siamo dimenticati della diossina: Insieme in rete ha riportato le carte sul tavolo – aggiunge Gianni Del Pero, il geologo che nel 2016 è stato incaricato dai comuni di Barlassina, Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Desio e Seveso di monitorare i campionamenti di terreno durante le analisi per la quantificare il livello di diossina presente -. Su richiesta della regione la Fondazione Lombardia per l’Ambiente sta ampliando le indagini alle aree esterne al tracciato per verificare la presenza di diossina e la compatibilità d’uso delle aree circostanti, e anche il comune di Seveso ha chiesto ulteriori indagini». Nemmeno Del Pero ha dubbi sul futuro di Pedemontana: la sua fattibilità, secondo il geologo del Wwf, è limitatissima.

In apertura: Longhin, Ezio Moretti, responsabile dell’archivio della memoria realizzato da Insieme in rete, Gemma Beretta di Insieme in rete, Garofalo, Tiziano Grassi del comitato della Brughiera Briantea, Alberto Colombo di Sinistra e Ambiente

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Milano-Meda, tassista ucciso: arrestato pirata della strada che causò il primo incidente

D.P., 26 anni e residente a Lazzate, è accusato di fuga e omissione di soccorso. A bordo della sua Audi A3 aveva travolto una Fiat 600 che si era ribaltata ed era scappato

Flash mob: a Monza baci contro l’omofobia. La Brianza verso il suo primo Pride

Una manifestazione spontanea, senza megafoni o musica ma con una partecipazione inaspettata.

Decreto Sicurezza, prime multe (salate) ad auto con targa straniera e per accattonaggio

Sono stati multati cinque automobilisti e un uomo che chiedeva insistentemente l'elemosina al mercato del giovedì in piazzaTrento e Trieste.

Monza-Virtus Verona: 1 -0. Brillano subito i nuovi!

I brianzoli, con una rosa stravolta dal mercato, vincono grazie ad un gol di Palazzi al suo esordio in biancorosso

Trasporti: giornata di disagi tra proteste e guasti. Venerdì un altro sciopero

Giornata iniziata un guasto agli impianti di circolazione dei treni nella stazione di Carnate e si concluderà con uno sciopero nazionale. Anche per venerdì 25 gennaio giornata di proteste.