Sansone 2.0, da Carate Brianza il software elettronico per aiutare gli oratori feriali

Sansone 2.0, da Carate Brianza il software elettronico per aiutare gli oratori feriali

Suonata l’ultima campanella nelle scuole della Brianza, bambini e ragazzi hanno già riempito gli oratori feriali e i centri estivi del territorio: giochi, gite, piscina. Tante sono le attività organizzate per intrattenere i più piccoli in attesa delle vacanze. Tanti, tantissimi, i bambini da gestire. Da Carate Brianza, e precisamente dall’azienda C&L, arriva il software 2.0 che velocizza di gran lunga il lavoro di volontari e parroci. Si chiama Sansone 2.0 ed è un microchip che viene dato ad ogni singolo ragazzo e collegato direttamente al sito web oppure ad un app per smartphone.

Non si tratta né di un braccialettino elettronico per geolocalizzare i ragazzi e tenerli sotto controllo né tanto meno uno strumento per combattere il bullismo – ci spiegano dall’azienda brianzola – sono state dette e scritte molte imprecisazioni. È giusto fare un po’ di chiarezza su quello che abbiamo realizzato”.

E allora, chiariamo. Il progetto Sansone 2.0 nasce proprio a supporto degli oratori del territorio per agevolarli il più possibile nella gestione amministrativa e logistica in risposta alla sempre più crescente domanda dei parroci. L’ultimo, solo in ordine di tempo, ad adottare questo nuovo software è l’oratorio feriale di Varedo, gestito da Don Emanuele Beretta: “Grazie a Sansone 2.0 abbiamo decisamente velocizzato il lavoro dei nostri volontari. Al nostro oratorio sono iscritti ben 600 bambini e poter agevolare il lavoro di tutti non è cosa da poco – ci spiega – ci tengo a precisare che questo microchip non serve assolutamente a tenere sotto controllo i ragazzi nei loro spostamenti perché non c’è alcun servizio di geolocalizzazione e soprattutto non serve per combattere il bullismo tra giovani.

Sono sciocchezze – continua – in pratica è un semplicissimo badge che i ragazzi indossano e passano sul sensore di rilevamento tutte le mattine per segnalare il loro arrivo che viene registrato sui nostri dispositivi mobili in tempo reale, sul sito web di Sansone e sull’app a lui dedicata. I genitori così ricevano la notifica nel momento in cui il loro figlio entra in oratorio”. Una sorta di appello 2.0  che va a sostituire il vecchio modulo cartaceo che i volontari dovevano compilare giorno dopo giorno perdendo molto tempo all’ingresso.

Si può parlare dunque di braccialetto elettronico? “No, non è una definizione esatta – precisano dall’azienda produttrice – è un badge elettronico che può essere inserito in un bracciale, in un tesserino, in un portachiavi … ognuno è libero di adottare il metodo che preferisce. Le immagini che circolano di un bracciale in silicone non sono nostre, quello non è Sansone 2.0 – conclude – anzi, noi abbiamo creato un braccialettino in stoffa, anallergico, molto più adatto ai ragazzi perché è leggero, comodo e non fa sudare”.

Questo software ha anche molti altri vantaggi sia per i genitori che per i ragazzi perché può funzionare anche come carta prepagata: “i genitori possono caricate i soldi per la mensa o per la gita direttamente sul badge del bambino così da evitare di lasciare soldi in contanti al ragazzo oppure evitare lunghe code per pagare  - spiega Don Emanuele – servizio utilissimo per la mensa, per le varie uscite didattiche, per la giornata in piscina”. Questo badge elettronico è utilizzato al momento in molti oratori feriali della brianza (Varedo, Macherio, Biassono e Sovico) ma niente vieta di adottare Sansone 2.0 anche per il resto dell’anno per agevolare i vari servizi delle parrocchie, ad esempio per la catechesi.

Scritto da Melissa Ceccon


Su Redazione

La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi.
Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate il 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .