17 Settembre 2019 Segnala una notizia
Pedemontana, sarà vero fallimento? Cauti i sindaci della B2

Pedemontana, sarà vero fallimento? Cauti i sindaci della B2

29 Giugno 2017

La procura di Milano può anche aver richiesto una dichiarazione di fallimento alla società Autostrada Pedemontana Lombarda, ma i sindaci della tratta B2 (Lentate, Meda, Barlassina, Seveso e Cesano) preferiscono essere cauti e aspettare conferme ufficiali: lo affermano sia Piermario Galli (Barlassina) e Paolo Butti (Seveso), sia il nuovo sindaco di Lentate, Laura Ferrari. «Ho appreso la notizia dai giornali – afferma Ferrari -, una valutazione in questo momento sarebbe prematura. Terremo comunque uno sguardo vigile sulla situazione». «Un mese fa, quando ci siamo incontrati per i saluti a Di Pietro (che ha lasciato la presidenza della società a Federico Maurizio d’Andrea, ndr) Pedemontana era ancora in attesa di finanziamenti» conferma Galli. Tanto più che Pedemontana non sembra avere l’intenzione di accettare la richiesta della procura: d’Andrea  si è detto “sorpreso” ma “fiducioso” nel buon esito dell’udienza del 24 luglio, perché a suo dire non mancherebbe il requisito di continuità aziendale, né l’autostrada verserebbe in uno stato di insolvenza.

Articolo Uno – «Finalmente potremo mettere fine alla brutta storia di Pedemontana, l’opera tanto voluta dalla destra lombarda fallita ancora prima che si concludesse – ha commentato invece la senatrice di Desio Lucrezia Ricchiuti (Articolo Uno-MDP) poco dopo aver appreso la notizia -. Non so proprio con quale coraggio i vertici della società e i rappresentanti politici di Regione Lombardia possano dirsi sorpresi di questo procedimento: il pubblico ha già messo a disposizione molte risorse economiche perché i privati potessero investire, ma questo non è servito perché l’opera è nata vecchia e non rappresenta un investimento attrattivo».

Legambiente – Non ha dubbi nemmeno Legambiente, per cui Pedemontana era già da tempo «un fallimento annunciato». Ma le Cassandre, si sa, non vengono mai ascoltate volentieri, tanto che i portavoce del movimento ambientalista possono raccontare di essere stati ignorati a lungo: «La procura della Repubblica ha dovuto intervenire su quello che la politica non ha voluto vedere per anni, nonostante le tante e reiterate denunce di Legambiente – scrivono in un comunicato diffuso ala stampa -: il progetto fa acqua da tutte le parti, a partire dall’impossibilità finanziaria di darvi sostegno e continuità. Pedemontana è un’opera costosissima, priva di mercato, dannosa a livello ambientale, poco utilizzata dagli utenti e, oramai, vecchia e abbandonata». E non c’è nemmeno spazio per la soddisfazione di sentirsi dare ragione: «E adesso chi pagherà per i danni ambientali di un inutile e costoso serpentone autostradale che ha cancellato centinaia di ettari di foreste e di campi coltivati, sconvolto l’idrologia, consumato suolo a dismisura senza alcun bilanciamento tra costi per l’ambiente e benefici per la mobilità?» si chiede polemicamente Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia. «Anche il mercato ha bocciato Pedemontana – continua il responsabile trasporti di Legambiente, Dario Balotta. – Il Governatore lombardo Roberto Maroni deve prendere atto del fallimento di Pedemontana e del federalismo autostradale. Anche se il prossimo luglio il tribunale non assumesse nessuna decisione, sarebbe comunque compromessa la credibilità e la ricerca di nuovi compratori, che peraltro dura da 5 anni. Da tempo abbiamo denunciato questa situazione e chiesto una exit strategy per ridurre il danno che il completamento dell’opera avrebbe procurato ai territori. Caro Governatore, altro che project financing! Qui finora ha pagato solo il contribuente!».

Secondo i calcoli di Legambiente, a oggi sarebbero stati spesi per Pedemontana 1.050 milioni di soldi pubblici: ma per completare l’autostrada mancano ancora 4 miliardi, introvabili nonostante le garanzie regionali per 450 milioni o i 350 milioni di defiscalizzazione. E il calcolo si fa ancora più drammatico con la richiesta di indennizzo di Strabag per 3 miliardi di euro.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Giulia Santambrogio
Inseguo le storie sin da quando ero bambina: per farmele raccontare, per leggerle, e, ovviamente, per scriverle. Su MBNews, però, mi occupo di fatti.


Articoli più letti di oggi

Juventus, arrestati 12 capi ultrà: perquizioni anche in Brianza

L'inchiesta ha portato alla luce anche una rete di biglietterie compiacenti in giro per l'Italia.

Da Varedo al festival di Venezia: Patty Acconciature cura la testa dei Vip

Patrizia Loi, titolare di Patty Acconciature spiega l'importanza della cura del cuoio capelluto

Monza, San Rocco: ferito alla testa e al corpo, portato d’urgenza al Niguarda

Trasportato d'urgenza al Niguarda, il 27enne, noto alla forze dell''ordine per reati legati al mondo della droga,  al momento non è in pericolo di vita.

Trasfusione di sangue sbagliata: 84enne muore all’ospedale di Vimercate

Sono in corso in queste ore gli accertamenti di Regione Lombardia. Al vaglio un possibile errore umano

Seregno, il sindaco: “Se sabato inaugura il centro islamico, interverremo”

C'è grande attesa per il taglio del nastro dello stabile di via Milano 3 ristrutturato.