19 Gennaio 2019 Segnala una notizia
“La Cucina Che Vale” e Delta Design insieme in un contest culinario

“La Cucina Che Vale” e Delta Design insieme in un contest culinario

8 Giugno 2017
Una blogger, una location di design made in Brianza e … il piatto è pronto! A pochi mesi di distanza dallo showcooking con lo chef Raffaele Soldati, Delta Design da nuovamente spazio all’arte della cucina.
La blogger Valentina Tozza  milanese di nascita ma brianzola d’adozione – ha scelto proprio lo spazio di DELTA LAB per le video-riprese delle sue  gustosissime ricette che verranno poi pubbliche sul suo famoso blog.
“La Cucina Che Vale” nasce appunto nel settembre del 2011 dalla volontà di Valentina Tozza di condividere le proprie ricette 100% home made con delle persone che, come lei, amano l’arte di cucinare.
Se la vera passione di Valentina è cucinare, per Delta Design è poter trasmettere il concetto di casa non solo come uno spazio fisico ma soprattutto come un luogo esperienziale.  
Ho deciso di registrare le mie video-ricette in una location esclusiva, Delta Design di Lesmo,  per trasmettere a chi mi segue un’idea di cucina facile ma raffinata – ha affermato la blogger Valentina Tozza – La prima video-ricetta è un piatto molto fresco e versatile, perfetto per queste calde giornate d’estate,  colorato ed elegante, gustoso e deciso: tartare di salmone con avocado e caviale di cous cous. La seconda invece è un dolce, perfetto per grandi e piccini, ottimo a colazione o a merenda ma anche per una cena tra amici: la torta di carote accompagnata da una crema di panna e latte condensato.”
“Per Delta Design si tratta di un risultato importante che ci dà conferma di quanto la nostra struttura, con Delta Lab, si configura come uno spazio polifunzionale dove poter realizzare eventi eterogenei e regalare emozioni uniche – afferma il Direttore Mirko Cazzaniga – Per noi, ogni ambiente è uno spazio di vita, un luogo di condivisione e di ispirazione.”
Con ben 1200mq di showroom, Delta Design è un importante interlocutore territoriale nel settore del design e dell’arredo su misura. Con più di 20 marchi distribuiti e migliaia di progetti realizzati in ben 60 anni d’esperienza nel settore, Delta Design si posiziona come realtà territoriale di successo in grado di affrontare le esigenze di arredamento del pubblico a cui si rivolge.

Lo showroom Delta Design è a Lesmo (MB), in via Carlo Maria Maggi 41.
Aperti il lunedì dalle 15 alle 19.30 e dal martedì al sabato con orario 9-12.30 / 15-19.30

*Pubbliredazionale
Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Fonte Esterna
Questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di MBNews, ma è un testo proveniente da fonte esterna e pubblicato integralmente e/o parzialmente ma senza averne cambiato il senso del messaggio contenuto.


Articoli più letti di oggi

Monza, lo storico Speedy compie 30 anni. Per festeggiare apre un nuovo locale

Lo storico locale di Monza "Speedy" taglia l'ambito traguardo e festeggia, martedì 22 gennaio, alle ore 19, inaugurando un nuovo locale in via Moncenisio. 

Ospedale Vimercate, il nuovo direttore: “Nuove assunzioni e tagli alle liste d’attesa”

Si chiama Nunzio Del Sorbo e si è insediato il 2 gennaio. Porta all'ASST i suoi quasi 40 anni di carriera, iniziati proprio in città nella vecchia Ussl 60 e assicura: "Parola d'ordine, rilancio"

Monza, ripulisce il letto del Lambro in pausa pranzo: trova anche una bici

Il ragazzo lavora in un ristorante in Spalto Maddalena. Durante il periodo Natalizio le casette sono state ripetutamente danneggiate.

Monza e Brianza che fare questo weekend? Ecco gli eventi scelti per Voi!

Falò di Sant'Antonio, spettacoli, mostre... ecco la nostra selezione di eventi!

La Guardia di finanza arresta i fratelli dell’Autosalone Antonini

I due sono accusati di bancarotta fraudolenta insieme a un terzo uomo, ora agli arresti domiciliati. Si sarebbero intascati 400mila euro spostandoli dai conti societari ai loro conti personali