Attualità

Condannato per stalking torna a molestare la ex: arrestato giovane monzese

Condannato il primo giugno è stato arrestato di nuovo ieri sera fuori dalla casa della giovane.

Carabinieri-polizia-stato-mb

Sono stati insieme poco più di un anno, poi la relazione è finita ma per lui la rassegnazione non voleva proprio arrivare. Un disco rotto quello che ormai connota tante storie “d’amore”, dove giovani e meno giovani non vogliono lasciare libere le proprie ex quando vengono lasciati.

È quanto accaduto anche a una giovane biassonese che, dal dicembre del 2016 ad oggi, ha vissuto l’incubo dell’essere perseguitata dal un ventinovenne monzese. Nonostante una prima condanna solo pochi giorni fa, il giovane è tornato alla carica, fin quando ieri sera non è stato arrestato.

Entrambi di famiglia “bene”, i due si erano frequentati a partire dal maggio del 2015. Poi, circa un anno e mezzo dopo, la ragazza ha deciso che quel giovanotto non faceva per lei e lo ha lasciato. In quel momento è iniziato il suo calvario, fatto di centinaia di telefonate al giorno, sia sul cellulare che sul fisso di casa, di minaccia e pedinamenti. La giovane inizialmente non ha ritenuto di sporgere denuncia, tentando di risolvere da sola la situazione.

Poi, quando se lo è ritrovato fuori dai locali dove andava con gli amici prima, sotto casa mentre rientrava poi, si è decisa e ha chiamato il 112. Ad aprile il ventinovenne è stato arrestato in flagranza sotto casa sua, appostato in un cespuglio mentre lei parcheggiava l’auto.

Il primo giugno scorso il Tribunale di Monza lo ha condannato in primo grado a due anni con pena sospesa (perché incensurato). Il giovanotto però, invece di smettere, ha continuato a tormentare la ex. Ancora chiamate notturne, ancora appostamenti sotto casa, fino all’ultimo pericoloso tentativo di ieri sera. “Incontriamoci un’ultima volta per chiarirci”, le avrebbe scritto in un sms. Lei però, fortunatamente, ha rifiutato e chiamato i carabinieri. I militari, appostati sotto casa della vittima, hanno arrestato il ventinovenne appena lo hanno visto arrivare. Ora il giovane è in carcere a Monza.

commenta